Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Repubblica

L’amarezza di Mou: “Una sconfitta dura per noi e i tifosi”

L’amarezza di Mou: “Una sconfitta dura per noi e i tifosi” - immagine 1
I giallorossi crollano alla Dacia Arena: poker bianconero. Prima disfatta stagionale per la squadra dello Special One che incassa quattro reti

Redazione

Un crollo inatteso, una notte da dimenticare quella della Dacia Arena. Un poker pesantissimo che ridimensiona le ambizioni della Roma di Mourinho. A Torino fu Spinazzola a sbagliare, a Udine il deja-vu è andato in scena a fasce invertite: Karsdorp che prova ad appoggiare il pallone di petto a Rui Patricio, ma non si accorge che alle spalle sta arrivando come un treno Udogie. Appena 76 secondi contro la Juventus, 5 minuti contro l’Udinese. Come sottolinea Andrea Di Carlo su 'La Repubblica', un altro inizio in salita, un altro primo tempo con l’handicap. Ma se a Torino i cambi di Mourinho nell’intervallo avevano rivoluzionato gli equilibri tattici e mentali, a Udine la magia non riesce. Fuori Cristante e Karsdorp, dentro Belotti e Celik. I giallorossi ci provano in maniera confusa e sbagliando un’infinità di palloni, gli uomini di Sottil non sbagliano nulla, anzi gli riesce tutto.

Amara l’analisi di Mourinho al termine della gara: "È stata una partita difficile contro un avversario difficile. Li conosciamo, se vai sotto, diventa dura. Preferisco perdere una partita 4-0 e non quattro gare 1-0. È dura per noi e per i tifosi. La responsabilità è mia, ora andiamo avanti, abbiamo 10 punti. Siamo tutti lì, noi facciamo la nostra strada". Lo Special One analizza poi il match e non manca un accenno all’arbitraggio di Maresca:"Quando si perde 4-0 non si parla dell’arbitro, ma quest’arbitro ha un profilo perfetto per l’Udinese. Sono perfetti anche i “ragazzini”, che devono imparare il fair play. Anche io vorrei avere questi raccattapalle nel mio stadio, ma noi siamo diversi". Il tour de force adesso continua e la prossima tappa è in Bulgaria. Giovedì è in programma l’esordio in Europa League con il Ludogorets: vietato sbagliare la prima del girone. Per il riscatto in campionato, dovrà aspettare l’appuntamento con l’Empoli al Castellani.