La Roma: “Stadio meno cubature, ma restino le torri”

Il dg Baldissoni aggiunge: “Stiamo valutando tutte le possibilità per migliorare il progetto ma sempre con l’unico punto fermo, che deve essere compatibile con il procedimento in corso”

di Redazione, @forzaroma

Il secondo vertice in Campidoglio sul nuovo stadio della Roma tra la società, con il dg Baldissoni e il costruttore Luca Parnasi, e gli assessori all’Urbanistica, Paolo Berdini, alla Mobilità, Linda Meleo, e il vicesindaco Daniele Frongia, finisce con l’idea di un’ultima mediazione. Il club accetta di diminuire le cubature, ma non il niet di Berdini, che vuole cancellare con una nuova delibera i 3 grattacieli, facendo ripartire dall’inizio la conferenza dei servizi. «Stiamo valutando tutte le possibilità di migliorare il progetto – dice Baldissoni alla fine – ma sempre con l’unico punto fermo, che deve essere compatibile con il procedimento in corso, che è ovviamente il piano in conferenza dei servizi», come riporta Boccacci su La Repubblica. Tradotto: possiamo diminuire le cubature delle 3 torri, senza eliminarle, ma solo nel piano approvato dalla precedente giunta. Non con una nuova variante, che faccia sparire tutte le torri. Frongia è prudente: «Miglioreremo il progetto nell’interesse dei cittadini». Ma Berdini resiste: «Per lo stadio sapete qual è il mio augurio: che si faccia domattina. Lo stadio…». E trova la sponda di Italia Nostra: «La giunta Raggi segua Berdini».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy