Gol di Dzeko e Pjanic, l’Olimpico sogna con i gemelli bosniaci

Punizione e colpo di testa, e la Roma vola contro la Juventus. E il centravanti è già nel cuore della tifoseria

di Redazione, @forzaroma

Parlavano al telefono ora parlano tra loro in campo. Come in nazionale adesso anche nella Roma. Amici fuori, protagonisti sul campo. Pjanic e Dzeko firmano la vittoria sulla Juventus, esaltati l’uno dalla presenza dell’altro.  «Con Dzeko mi sono sentito tante volte prima che arrivasseda noi — ammette Pjanic — ora abbiamo più scelte in attacco e lui farà tanti gol. Oggi siamo stati la squadra superiore in campo, giocando bene dall’inizio alla fine e abbiamo conquistato tre punti importanti. La mia punizione? Quella è la mia posizione, ho le distanze in testa, ma già nel primo tempo ero andato vicino al gol. Complimenti a noi per il bel gioco, si è vista la nostra determinazione dall’inizio alla fine, diversamente da Verona».

Gli fa eco il centravanti entrato in fretta nel cuore dei romanisti. «È stata una grandissima giornata, per me e per i tifosi — spiega Dzeko — segnare qui è speciale, il boato è pazzesco. E Miralem è un artista Ma la cosa più importante è la vittoria. Ora concentriamoci sulla prossima gara».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy