Lamela, le sue prime 50 volte

di finconsadmin

Era il 23 ottobre 2011. Era Roma-Palermo. Un contrasto, la palla che gli finisce sui piedi, la sensazione del cross, il fiuto del gol. Gol. Anzi, go?!?Erik Lamela?segna al debutto, un esordio da favola, da cigno mai stato anatroccolo. Un anno e quattro mesi dopo, le presenze in campionato salgono a cinquanta. Cifra tonda.?

 

Accade oggi, accade contro un avversario che ti resta impresso perch? l?anno scorso ti ha umiliato. Se si gioca, perch? il dubbio ? lecito alzando gli occhi al cielo, Lamela compie un piccolo passo per l?uomo ma un grande passo per un calciatore della Roma.?Cinquanta presenze. In totale, Coppitalia compresa, siamo invece gi? oltre: cinquantadue volte con questa maglia di sole e sangue, di tanto amore e tanta storia. Un punto fermo. Lamela lo era con Luis Enrique, lo era con Zeman, lo ? con Andreazzoli. Qualcun altro pu? perdere il posto, lui ce l?ha per Dna. ? il destino di quelli che giocano sempre perch? l?et? non conta quando alla palla insegni cos?? il calcio. Quattro gol nel primo anno, undici in venti presenze nel secondo.

 

Sarebbero stati di pi?, in realt?. La responsabile ? “lei”. “Lei” ? una lesione capsulo legamentosa alla caviglia destra. “Lei” ? un lui. ? un infortunio grave quanto basta a impedirgli per quasi un mese di esprimere un?arte. Capita a seguito di un normale contrasto col granata D?Ambrosio. ? il 19 novembre, ? il giorno di Roma-Torino (2-0, al?!). Lamela resiste, insiste e a fine partita paga il conto. La lesione lo mette fuorigioco nel momento migliore della sua baby carriera: il mio amico Erik ? autore di 8 gol, 8 sui 27 fino a quel punto realizzati da Zemanlandia.

 

La ripresa ? tosta, i risultati non arrivano, la Roma intanto vacilla, tenta di rialzarsi, poi crolla tramortita per colpa d?errori e di un destino infame. Lamela non sembra pi? quello di prima. Pare involuto. La scintilla del talento cova, il fuoco torna a divampare nonostante la sconfitta pesante, ingiusta perch? fondamentalmente immeritata. Quella con la Genova doriana. ? il segnale della ripresa, ? tornato il nostro amico Erik. Con la Juve riappare nello splendore dei fasti di inizio stagione, si lascia alle spalle gli avversari, li dribbla, ? il pi? fico. Forse, lo ? anche troppo. Troppe serpentine e davanti c?? la Juve. Entusiasmi comprensibili quando hai la pelle di cuoio e l?inesperienza di un bambino gigante.

 

Un anno fa, circa, l?Atalanta lo ha preso a schiaffi. Anzi: li ha presi a schiaffi. Quattro gol, zitti e a casa. Nell?alternarsi degli eventi bergamaschi ricordato ieri da Andreazzoli, fu un giorno da cancellare. Uno dei peggiori dell?era spagnola: la punizione di De Rossi, Marilungo, la tripletta di Denis, le espulsioni di Osvaldo e Cassetti. Oggi, Lamela pu? buttarsi alle spalle tutto. Anche la difesa dell?Atalanta.

(ha collaborato Franco Bovaio)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy