Stadio, Riccardo Viola: “Come possiamo essere a questo punto dopo 3 anni? Roma perde un’occasione dietro l’altra”

Il figlio dell’ex presidente giallorosso: “Mio padre propose prima la Magliana e poi la Romanina, ma finì snervato dal sistema”

di Redazione, @forzaroma

Riccardo Viola, figlio dell’ex presidente giallorosso Dino Viola, parla del progetto del nuovo stadio della Roma. «Non voglio attaccare l’attuale amministrazione ma una cosa mi fa restare sconcertato: come possiamo essere a questo punto dopo tre anni?  Dovevano esserci ben altre certezze. Il problema è che questa città ha perso il suo senso di appartenenza e sta perdendo un’occasione dietro l’altra», come riporta Il Corriere della Sera.

Viola torna poi a parlare del progetto proposto dall'”Ingegnere” negli anni ’80. «Mio padre propose prima la Magliana e poi la Romanina, che oggi sarebbe come dire Tor Vergata. Iniziarono i problemi e le accuse di essere un palazzinaro, a cui rispose dicendo di essere semmai un ingegnere meccanico. Finì snervato dal sistema. A un certo punto chiese: ditemi voi dove si potrebbe fare. Erano i tempi del Pentapartito, c’erano certe dinamiche e non mi faccia dire altro. Alla fine, insomma, la politica diede lo stop a un’opera che sarebbe stata utile alla collettività. Lo stadio sarebbe stato finanziato principalmente con sponsorizzazioni e abbonamenti pluriennali».

«Si è parlato tanto delle candidature olimpiche. Mi piacerebbe che Roma diventasse una città a vocazione olimpica. Si individuano le priorità dell’impiantistica, si interviene con controlli pubblici sui progetti privati, si legano l’interesse della collettività e quello dell’investitore, si migliora la qualità e la quantità degli impianti. Così un’eventuale nuova candidatura avrebbe una forza immensa: quella di avere già una base importante. Dentro la città c’è una ferita che mi fa particolarmente male: il degrado di Campo Testaccio. Nei miei sogni, recuperato, si chiamerebbe Dino Viola».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy