Roma, notte da dimenticare. Di Francesco: “Poco aggressivi”

Il tecnico: “Ci è mancato il guizzo finale, abbiamo anche tanti assenti ed era difficile cambiare la gara in corsa”

di Redazione, @forzaroma

Quella contro il Napoli è una sconfitta pesante, che fa scivolare la Roma a 9 punti (ma con una gara da recuperare, contro la Sampdoria a Marassi) dalla vetta occupata dagli uomini di Sarri, come scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera.

Nel primo tempo – l’analisi di Di Francescosiamo stati un po’ troppo rispettosi del Napoli, dovevamo essere più aggressivi. Tante squadre sono state massacrate dal punto di vista del palleggio, noi abbiamo tenuto testa. Io guardo avanti con positività, possiamo solamente crescere. Nel secondo tempo siamo tornati alle origini, e con il 4-3-3 è andata meglio: tanti mi hanno detto che Nainggolan doveva giocare trequartista, li ho voluti accontentare (ride, n.d.r.). A parte gli scherzi, non volevo dare troppo il pallino al Napoli perché non mi piace quando il mio avversario controlla il gioco””.ù

La Roma, al secondo ko interno con le big, dopo quello con l’Inter, ha colpito invece altri due pali (il totale stagionale è salito a 9 mentre la Juventus, seconda, è ferma a 4). “Ci è mancato un po’ di fortuna, quando prendi cinque o sei pali…Non è per dare degli alibi, ma gare come queste sono decise anche dagli episodi. Avremmo voluto fare una partita differente, le partite si possono vincere o riprendere anche alla fine. Ci è mancato il guizzo finale, abbiamo anche tanti assenti ed era difficile cambiare la gara in corsa. Sono contento del desiderio e della voglia di andare a riprendere il risultato”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy