Roma, nelle radio spopola il complotto

di Redazione, @forzaroma

(Corriere della Sera) – Altro che partita (domani sera) contro il Genoa. Nelle radio romane (e romaniste) spopola il complotto.

Quello contro il direttore generale Franco Baldini e il consigliere d’amministrazione Mauro Baldissoni, scelti dai nostalgici della vecchia gestione per colpire la nuova. Una sorta di vendetta trasversale a cui — ipotizza la procura — oltre agli indagati ormai noti avrebbero partecipato altri «esclusi» dalla proprietà made in Usa. Per stabilire quanti soggetti abbiano condiviso il piano, i magistrati hanno disposto ulteriori verifiche e stanno valutando se interrogare i quattro già accusati di diffamazione: il giornalista (ex Messaggero) Roberto Renga, il figlio Francesco e due voci radiofoniche, Giuseppe Lomonaco e Mario Corsi, «Marione». Il gruppo avrebbe tentato, senza riuscirci, di veicolare a due quotidiani «notizie scottanti» ricevute via sms: «Baldini e Baldissoni sono massoni e fanno la cresta sul calciomercato».

«Roba da fantascienza — si accalora Maurizio Costanzo — mi sembra tutto abbastanza incredibile». Gli indagati si difendono e minacciano querele. «Io vado a dormire tranquillo — precisa Renga —. Non ho mai pensato di truffare la Roma». La radio Centro suono sport annuncia che Corsi e Lomonaco si sono autosospesi, «non certo per le gravi insinuazioni mosse nei loro confronti», ma «per non «prestare il fianco agli attacchi mediatici». E scende in campo pure Luis Enrique: «È una cosa brutta — osserva — in Spagna non mi è mai capitata»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy