Lazio, Lotito contro Marotta: “Non vuol giocare chi ha mandato via tutta la squadra”

Lazio, Lotito contro Marotta: “Non vuol giocare chi ha mandato via tutta la squadra”

Il presidente biancoceleste, dopo quello con Agnelli, ha avuto uno scontro con il dirigente dell’Inter nella video conferenza di ieri

di Redazione, @forzaroma

Douglas Costa è in Brasile al mare e posta foto con la fidanzata. Sono all’estero anche Ronaldo e Pjanic, Khedira e Higuain. La Juve è sparsa per il mondo, i giocatori che adesso si trovano all’estero dovranno quasi sicuramente rimanere 14 giorni in quarantena al ritorno in Italia; tra coloro che non sono scappati tre hanno purtroppo il coronavirus (Dybala, Matuidi, Rugani). La Lazio, principale e forse unica rivale scudetto dei bianconeri, vive in un mondo opposto: nessun biancoceleste si muove da Roma. Lotito non ha dato autorizzazioni in tal senso, ma non risulta che qualcuno abbia fatto pressioni per potersene andare altrove. Hanno tutti la testa al campionato, dal presidente all’ultima riserva, scrive Stefano Agresti sul “Corriere della Sera”. Passando ovviamente per Inzaghi, che segue da lontano gli allenamenti sostenuti a casa da ciascun giocatore, assistito dal suo staff. L’obiettivo è chiaro: quando ci sarà la possibilità di tornare a lavorare sul campo –a patto che questo accada – la Lazio vuole essere pronta per ripartire nelle migliori condizioni. L’occasione è troppo grande per trascurare anche il particolare più irrilevante, benché le condizioni generali siano complicate. Lotito non molla nemmeno in Lega, dove c’è un partito consistente che preme per chiudere adesso il campionato e pensare al prossimo. Sono soprattutto le società in fondo alla classifica, quelle a rischio retrocessione, che spingono in tal senso. Dalla loro parte, sebbene senza esporsi eccessivamente, c’è anche l’Inter. Il presidente della Lazio ha avuto uno scontro con Marotta pure nella riunione in videoconferenza di ieri. Gli ha detto: “Che vuoi che ti interessi di finire il campionato? Hai già mandato via tutta la squadra”, riferendosi alle partenze per l’estero di Brozovic, Handanovic e compagnia. La posizione di Agnelli, che ha definito “virologo” Lotito nell’assemblea di martedì, è di attesa: vediamo qual è l’evoluzione dell’epidemia. Lotito sta combattendo la sua battaglia da solo, o quasi: lo sostengono il Napoli, il Cagliari, timidamente l’Atalanta. Spera che il calcio riavvii i motori e la Lazio possa provare a prendersi lo scudetto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy