Zeman: “Io sono nato juventino. Non ce l’ho mai avuta con il Club ma con alcune persone”

“A Torino insultano sempre mia madre ma le curve si chiudono per i cori contro i neri, non contro i bianchi”.

di finconsadmin

ZEMAN TIFOSO  “Io non ce l’ho mai avuta con la Juventus come squadra. Sono nato tifoso juventino, di notte dormivo con la loro maglia perché sono cresciuto a Torino. Io ce l’avevo con alcune persone dentro la Juventus, gente che avrebbe potuto lavorare in un’altra squadra e io avrei potuto dire le stesse cose.Allenare la Juve? Certo che l’avrei fatto“. dice il tecnico boemo in un’intervista rilasciata al Guerin Sportivo.

SU CALCIOPOLI E GLI INSULTI RICEVUTI A TORINO – “Se era un sistema non potevano essere solo tre persone. Dopo Calciopoli si poteva ripartire cercando di migliorare questo mondo, invece sono rimaste sempre le stesse persone. Quando ho detto quelle cose capivo le ripercussioni, ma volevo che fosse posta attenzione. Purtroppo ho avuto problemi anche nella sfera privata. Adesso ogni volta che vado a Torino è un caos, tirano sempre fuori mia madre. L’ho detto anche al delegato Lega: ‘Ma tu stai sentendo? Scrivi?’, gli dicevo. No, non scrivono mai. Le curve si chiudono per i cori contro i neri, non contro i bianchi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy