Russia, Capello resta CT “Pagato lo stipendio fino alla fine del 2015”

La Federazione russa ha dunque trovato le risorse per garantire all’allenatore friulano, il cui contratto scade nel 2018, il ricco ingaggio da 7 milioni di euro all’anno più bonus

di Redazione, @forzaroma

Nessun avvicendamento sulla panchina della Russia. Nonostante i risultati non entusiasmanti della squadra, Fabio Capello resterà infatti il Ct della Russia almeno fino a tutto il 2015, salvo clamorosi colpi di scena. A dare la notizia è stato il presidente federale Nikita Simonian, che ha rivelato che la Federcalcio locale ha provveduto a pagare lo stipendio del tecnico friulano fino alla fine dell’anno, ponendo fine di conseguenza anche alla diatriba economica.

“Non preoccupatevi, – ha dichiarato Simonian alla stampa – lo stipendio è stato pagato sino alla fine dell’anno. Capello non ha alcun reclamo verso di noi”. La Federazione russa ha dunque trovato le risorse per garantire all’allenatore friulano, il cui contratto scade nel 2018, il ricco ingaggio da 7 milioni di euro all’anno più bonus.

Ora al il Ct non saranno concesse più scuse: l’obiettivo, non semplice, resta quello della qualificazione alla fase finale dei prossimi Campionati Europei. Attualmente la Russia, che ospiterà i Campionati del Mondo del 2018, dopo un cammino non certo esaltante, rischia l’eliminazione nel Gruppo G.

La squadra di Capello, dopo 6 gare disputate, è infatti terza nel girone con 8 punti, quattro in meno della Svezia, seconda.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy