Di Pietro: “Moggi è soltanto un furbo che non ha il mio apprezzamento”

Il politico ha aggiunto: “La prescrizione com’è da noi è una farsa. Sono curioso di leggere le motivazioni su Calciopoli. Se uno ha l’anima pulita, rinuncia alla prescrizione e va avanti fino a farsi assolvere”

di Redazione, @forzaroma

Antonio Di Pietro, politico italiano di fede bianconera, è intervenuto ai microfoni di Rete Sport per parlare di Moggi, di Calciopoli e di Juventus. Ecco le sue parole: “Bisogna mettere in condizione la macchina che giudica di fare il proprio lavoro. La prescrizione com’è da noi è una farsa. Sono curioso di leggere le motivazioni su Calciopoli. Indagare nello sport? A nessuno è venuto in mente di utilizzare la mia professionalità. Analogie tra Tangentopoli e Calciopoli? Il calcio una volta era sport oggi è business, andrebbe rivisto il ruolo delle società. Non sono contrario alla prescrizione ma quando inizia un processo voglio sapere la sentenza di merito, non di impossibilità. Se uno ha l’anima pulita, rinuncia alla prescrizione e va avanti fino a farsi assolvere, come Bertini e Dattilo. Bisogna mettere in condizione la macchina della giustizia di operare entro i termini della prescrizione. Moggi ha detto ‘ho vinto io’… lui è soltanto un furbo che non ha il mio apprezzamento. Ha vinto per prescrizione. E’ un altra partita truccata, la sua.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy