Parma-Roma, il web gialloblù: “Giallorossi poca roba. E sogno una vittoria da vendetta”

Parma-Roma, il web gialloblù: “Giallorossi poca roba. E sogno una vittoria da vendetta”

Il saluto al campionato contro gli uomini di Di Francesco: “Sopravvalutati e aiutati, è ora di vendicare le purghe di Totti”

di Mirko Porcari, @MirkoPorcari

“Giochiamo senza troppe pressioni, in questo modo sarà possibile prendere i tre punti”. Fuochi d’artificio per il saluto al campionato e a un anno da incorniciare, per il web gialloblù il Tardini sembra il palcoscenico perfetto: “Il 2018 è stato fantastico, un grazie alla dirigenza e alla società, adesso chiudiamo col botto”. 
Un ritorno in grande stile nel calcio dei grandi, dimenticando anni di Purgatorio per riprendere discorsi lasciati in sospeso: “Contro questa Roma si può vincere”. Vivere il presente guardando al passato, dove i colori giallorossi hanno spesso fatto male: “Sogno una vittoria che serva da vendetta per tutte le volte che Totti ci ha purgato”.
Cambiano i tempi e l’ex numero dieci, svestiti i panni del fuoriclasse, vedrà la partita dalla tribuna: “Sono sopravvalutati. Ogni anno ci sono proclami da parte di tifosi e media ma alla fine non vincono mai niente”. L’attacco frontale si inserisce in un periodo di altalena per i romanisti, in questo senso la tifoseria parmigiana invita a cautele complottistiche: “Sono aiutati in modo vergognoso. Sono gli unici in grado di rubare in casa della Juventus (in riferimento alla decisione del Var sulla rete annullata a Douglas Costa, ndr)”.
Ed ecco puntuale la previsione su possibili “condizionamenti” arbitrali: “Possiamo vincere, non c’è dubbio. Ma attenzione agli aiuti del direttore di gara. La Roma deve poter lottare per la Champions, altrimenti la corsa al terzo e quarto posto non sarebbe avvincente se dovessimo prendere i tre punti”. 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 11 mesi fa

    Sarà per la prossima volta, salutateci Gervais

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy