FIFA, Blazer (ex manager): “Accettate tangenti per Mondiali in Sud Africa e Francia”

Sud Africa 2010 e Francia ’98. L’ex manager della FIFA ammette che sono state accettate tangenti per l’assegnazione delle competizioni mondiali

di Redazione, @forzaroma

Chuck Blazer, ex manager della FIFA, ha ammesso: sono state accettate tangenti per la scelta del Sud Africa per ospitare i Mondiali del 2010. È quanto emerge dalla trascrizione dell’interrogatorio di Blazer nel 2013 quando per la prima volta ammise la sua colpevolezza e parlò della Fifa. Trascrizione sulla quale la corte americana ha rimosso il segreto, come scrive l’Ansa. Blazer, la gola profonda delle indagini delle autorità americane sulla FIFA, ammette inoltre che tangenti sono state pagate anche per il Mondiale del 1998, che si è svolto in Francia. Gli anni in cui venivano prese le decisioni per assegnare i Mondiali e i diritti televisivi erano mossi da tangenti e mazzette, afferma Blazer. L’ex manager della Fifa ammette che anche altri del comitato esecutivo si erano detti d’accordo ad accettare tangenti per la selezione del Sud Africa. «Sapevo che i fondi coinvolti arrivavano da tangenti ed io e altri abbiamo usato bonifici, email e telefonate per effettuare il pagamento e nascondere la natura della tangente» mette in evidenza nella trascrizione del 2013, riferendosi ai fondi trasferiti dagli Stati Uniti ai Caraibi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy