Coppe Europee, incrementati i montepremi nel triennio 2015-2018

La Uefa ogni anno assegnerà per la Champions League 1,257 miliardi, mentre per l’Europa League 381 milioni

di Redazione, @forzaroma

Pioggia di euro sulle coppe europee. La Uefa sborserà 1,638 miliardi di euro per Champions League e Europa League nel triennio 2015-2018. L’Eca, l’associazione dei club del Vecchio Continente, nel suo meeting annuale ha reso note le cifre destinate a far felici le società che partecipano alle competizioni. La Champions assegnerà ogni anno 1,257 miliardi, con un incremento del 25% rispetto alla situazione attuale. Il montepremi dell’Europa League passerà da 232,5 milioni a 381 milioni. Chi alzerà la Champions League il 6 giugno, a Berlino, incasserà un assegno di 10,5 milioni di euro. Tra un anno, come riporta AdnKronos, il premio destinato alla squadra campione d’Europa salirà a 15 milioni. L’Eca può festeggiare anche un altro risultato. Due rappresentanti dell’associazione, infatti, entreranno a far parte dell’esecutivo della Uefa e diventeranno membri a pieno titolo a partire dal Congresso in programma il prossimo anno. La cooptazione si inserisce nel percorso comune con la Uefa, con cui i club hanno siglato un memorandum d’intesa con riflettori puntati fino al 2021-2022. «In futuro l’Eca non solo sarà direttamente coinvolta nella gestione del calcio europeo con la partecipazione all’esecutivo della Uefa, ma potrà anche beneficiare di risorse maggiori», dice Karl-Heinz Rummenigge, presidente del Bayern Monaco e dell’Eca.
«Tutti i club godranno di maggiori introiti dalla Champions League e dall’Europa League per il 2015-2018. In particolare», evidenzia, il discorso riguarda «le squadre partecipanti all’Europa League. L’Eca è un’organizzazione ancora molto giovane e questi risultati rappresentato un successo straordinario che rafforzerà i legami tra i club e il nostro senso di responsabilità». L’impegno finanziario della Uefa si estenderà anche alla garanzia degli indennizzi per i giocatori che parteciperanno a Euro 2020. In totale, le società riceveranno almeno 200 milioni di euro per cedere gli atleti alle varie Nazionali. «Sono felicissimo per l’ampliamento della partnership con l’Eca fino al 2022», le parole del presidente della Uefa, Michel Platini. «Ho sempre creduto che la Uefa debba lavorare a stretto contatto con le federazioni nazionali e con le società per garantire le migliori idee e le migliori soluzioni al calcio europeo»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy