Verso Bologna, la speranza di Di Francesco: “Ritroviamo il fuoco”. C’è un caso Karsdorp

Verso Bologna, la speranza di Di Francesco: “Ritroviamo il fuoco”. C’è un caso Karsdorp

L’olandese lasciato fuori dopo una lite con il tecnico (ma la società non conferma). Intanto si rivede Pastore. Riparte l’iter per lo stadio, la Raggi conferma: “Si procede”

di Redazione, @forzaroma

“Dobbiamo ritrovare il fuoco dentro”. Più che una soluzione ai problemi della Roma, Di Francesco ha una speranza, quella di rivedere la sua squadra cattiva e vogliosa come nell’ultima parte della scorsa stagione, quando sembrava aver messo la base per qualcosa d’importante. La Roma che va a Bologna è una squadra in cerca di se stessa, con il disperato bisogno di centrare i 3 punti, la miglior cura ai momenti difficili.

ONORE E RABBIA – Di Francesco in conferenza stampa ha posto l’attenzione sul discorso mentale. Cattiveria, determinazione, onore, valori che questa squadra sembra aver smarrito“Deve scattare qualcosa in noi, bisogna ritrovare quel fuoco che io ho e sono davvero determinato in questo senso – ha detto il tecnico in conferenza -. Porterò con onore sempre la maglia della Roma, fino alla fine. Sono arrabbiato nel modo giusto, è una rabbia che voglio trasmettere in senso positivo. Dobbiamo voler dimostrare di non essere quelli di inizio stagione”La novità in formazione sarà Kluivert, in campo dopo la “tribunetta” di Madrid: “E’ la dimostrazione che chi va in tribuna poi può anche giocare la partita successiva. Abbiamo bisogno di tutti, dobbiamo dare forza a tutta la squadra” ha spiegato il tecnico.

CASO KARSDORP – A sorpresa fuori dai convocati sono rimasti Karsdorp e Coric, ufficialmente per scelta tecnica. La realtà, almeno per quanto riguarda l’olandese, sembra essere diversa. L’esclusione sarebbe dovuta ad un diverbio avuto dopo la sfida di Madrid, quando il terzino è stato mandato in tribuna insieme al connazionale Kluivert (che domani sarà titolare). Domani Di Francesco spiegherà le motivazioni di questa decisione a sorpresa, che rischia di rendere il terzino un problema anziché una risorsa come si sperava. Discorso diverso per il croato, che è rimasto fuori dai convocati ancora una volta dopo la Champions League, perché ritenuto ancora non pronto.

RIECCO PASTORE – La buona notizia per Di Francesco è il ritorno del Flaco tra i convocati. Superati i problemi al polpaccio l’ex PSG vuole dimostrare di non essere stato una scelta sbagliata. I giallorossi non potranno prescindere dalla sua qualità se vogliono puntare a risultati importanti. L’argentino non dovrebbe partire dall’inizio e a centrocampo dovrebbero tornare Pellergini e Cristante al fianco di De Rossi. In attacco con Dzeko ci saranno Kluivert e Perotti, quest’ultimo in vantaggio su Under e El Shaarawy. Un tifoso a Termini ha consegnato la sua formazione ideale per domani al tecnico, con il Faraone schierato da falso nove. La speranza è fare meglio delle colleghe giallorosse, che oggi a Sassuolo hanno perso per 3-2 all’esordio assoluto nella Serie A femminile.

QUI BOLOGNA – Momento difficile anche per gli avversari dei giallorossi. Il Bologna è ancora fermo a un punto e non ha mai segnato in 4 partite. Dovrà provarci senza Palacio (out per infortunio) Inzaghi, che in conferenza stampa ha parlato così: “Mi aspetto una Roma affamata, come lo saremo noi. Vogliamo ripagare la fiducia che i nostri tifosi ci danno a volte anche non meritando”.

RIPARTE LO STADIO – Dopo i mesi d’immobilismo dovuti all’inchiesta “Rinascimento” che ha coinvolto Parnasi, riparte l’iter dello Stadio della Roma. Si comincia lunedì, con delle riunioni dedicate ad analizzare le osservazioni alla variante urbanistica. Intanto Eurnova tratta la vendita dei terreni con la Roma e altri soggetti. La sindaca Raggi conferma: “Si procede”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy