Rosella Sensi risponde a Pallotta: “Basta infangare il nome di mio padre, è ridicolo”

“Non si deve permettere di parlare di bancarotta, non lo posso tollerare. La mia famiglia va lasciata in pace”, le parole dell’ex presidente della Roma

di Redazione, @forzaroma

Dopo le parole di James Pallotta, un altro ex presidente della Roma torna a farsi sentire. Rosella Sensi, intervenuta a Centro Suono Sport nella trasmissione Te la do io Tokyo, ha risposto alle parole dell’americano:

Sulle parole di Pallotta
Ci ho pensato tanto, è un mese che questa persona continua a parlare. Non si deve permettere di parlare di bancarotta, non lo posso tollerare. I numeri parlano da soli e non so neanche se sappia leggerli. Non deve nominare i Sensi e la mia famiglia, deve smetterla. È l’unico presidente della Roma ad aver lasciato questi debiti. Con questo mettiamo la parola fine e lasciamo parlare Friedkin. Basta, si infanga il nome di mio padre Franco. Io sono sempre intervenuta solo per rispondere alle dichiarazioni di Pallotta o dei suoi dirigenti, che dicevano cose sbagliate e infanganti. Non ho mai fatto comunicazione contro qualcuno.

Sui debiti di cui ha parlato Pallotta
I debiti della famiglia Sensi sono stati pagati con i soldi della famiglia Sensi e non sono stati lasciati alla Roma. Ci sono dei bilanci pubblici, si cade nel ridicolo. Non capisco perché continui a tornarci sopra. Tornano su questo argomento per giustificare il loro operato sbagliato.

Su Friedkin
Ho fiducia nel nuovo presidente. Solamente la presenza e la vicinanza alla squadra è un cambio di rotta sostanziale e importante per i giocatori. Bisogna dargli tempo perché quello che ha trovato è davvero devastante.

Ha visto l’omaggio di Totti a Franco nella serie tv?
Per malinconia non sono riuscita a vederla. Se la vedo mi metto a piangere, non voglio mancare di rispetto a Francesco. Mi0 marito e mia figlia la stanno vedendo e gli ho detto di raccontarmela. Io piangerei troppo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy