Roma, Smalling si presenta: “Sono adatto al gioco di Fonseca”. Tegola Under, fuori un mese

Roma, Smalling si presenta: “Sono adatto al gioco di Fonseca”. Tegola Under, fuori un mese

L’inglese ha parlato in conferenza: “Voglio restare qui a lungo”. Il turco si ferma, Cristante recupera a Trigoria, mentre Olsen torna sulla cessione: “Una scelta da accettare”

di Gianluca Viscogliosi

Grintoso, consapevole e concentrato. E’ uno Smalling combattivo quello che si è presentato oggi in conferenza stampa tra sorrisi, riflessioni e soprattutto tantissima voglia di Roma: “Considero questa un’opportunità importante per la mia carriera, specialmente perché giocare in Serie A era uno degli obiettivi della mia carriera, in particolare come difensore“. E poi la stima, quella per il tecnico Fonseca, con cui l’intesa è già alta: “Avevo parlato con lui prima di arrivare, mi ha spiegato cosa voleva da me e dalla squadra. C’è subito stata sintonia, eravamo d’accordo su diversi punti“. L’ex United ha voluto inoltre lanciare la sfida europea, con la Roma in lizza per arrivare fino in fondo: “Abbiamo tutte le possibilità di vincere l’Europa League, e partiamo tra le favorite“.

RICORDO VIVO – Una soluzione inglese per la difesa arrivata forse per l’impossibilità di strappare Nkoulou al Toro. “Ci sono state promesse di cessione non mantenute“, ha tuonato il francese dall’Equipe, frecciata a cui ha risposto prontamente Urbano Cairo tirando in ballo Petrachi: “Mi ha detto che c’era stata una promessa da parte dell’ex direttore sportivo di cedere il giocatore, ma a me non era mai stata detta”.n Il diesse romanista nel frattempo si è goduto la prestazione nazionale di Mkhitaryan, apparso in palla contro l’Italia sia a livello fisico che di motivazioni. Un aspetto rimarcato anche da una particolarità sul contratto dell’armeno, ossia dall’assenza di bonus personali nell’accordo con la Roma. Da un nazionale in entrata a uno in uscita, quel Robin Olsen che ai media svedesi è tornato a parlare del suo arrivo a Cagliari: “È stata la Roma a fare una scelta, dovevo solo accettarla. Ora guardo avanti: sono arrivato in un nuovo club e ho iniziato a giocare fin dall’inizio. È tutto molto bello”.

TEGOLA – Se da una parte Fonseca sorride per il prosieguo del lavoro a Trigoria, dall’altra deve registrare il brusco stop di Cengiz Under. Il turco infatti rischia un mese di stop per una lesione al bicipite femorale, un guaio muscolare che gli farebbe saltare le partite con Sassuolo, Istanbul Basaksehir, Bologna, Atalanta, Lecce, Wolfsberger e Cagliari. Dopo Spinazzola e Zappacosta, si ferma così anche il turco, ma Morgan De Sanctis – presente con Smalling in conferenza – ha voluto subito chiarire la situazione: “L’anno scorso abbiamo avuto problemi in un numero non regolare, quest’anno le cose non sono iniziate per il verso giusto ma vorrei scansare qualsiasi tipo di alibi. Aspettiamo un tempo più lungo per essere preoccupati, in questo momento non ci sono le condizioni per farlo“. Anche perché gli impegni inizieranno ad essere tanti per la squadra di Fonseca, con l’autunno che partirà con la sfida al Sassuolo in Serie A e proseguirà con l’avvio della campagna Europea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy