De Sanctis: “Nessun alibi per i problemi muscolari, ci aspettiamo meno infortuni” – FOTO – VIDEO

De Sanctis: “Nessun alibi per i problemi muscolari, ci aspettiamo meno infortuni” – FOTO – VIDEO

Le parole del dirigente giallorosso in conferenza stampa: “Non siamo ancora preoccupati. Ruolo attivo di Baldini per gli acquisti dalla Premier? Domanda maliziosa, risponderà Petrachi”

di Redazione, @forzaroma

Accanto a Smalling in sala stampa c’era Morgan De Sanctis, che ha risposto ad alcune domande dei giornalisti presenti a Trigoria. Ecco le sue parole.

DE SANCTIS IN CONFERENZA STAMPA

Quanto siete preoccupati dei quattro infortuni muscolari? Che analisi avete fatto?
L’anno scorso abbiamo avuto problemi in un numero non regolare, quest’anno le cose non sono iniziate per il verso giusto ma vorrei scansare qualsiasi tipo di alibi. Ho sentito parlare di Trigoria, dei campi di allenamento… È stata fatta una ristrutturazione nello staff medico-sanitario, ci aspettiamo meno problemi dello scorso anno e possiamo fornire ai calciatori le facilities e le opzioni per allenarsi e recuperare bene. Aspettiamo un tempo più lungo per essere preoccupati, in questo momento non ci sono le condizioni per farlo. In relazione agli infortuni vorrei che venisse portata avanti una cultura della responsabilità – all’interno nostro e veicolandola anche fuori – piuttosto che quella degli alibi. Siamo attenti a tutto e lo siamo sotto tutti i punti di vista e lo saremo per tutta la stagione.

Smalling in prestito secco senza diritto di riscatto. È una situazione che rivaluterete a fine stagione o fisserete un diritto di riscatto già durante la stagione?
Quest’anno nella rosa abbiamo inserito quattro giocatori con questa formula. Lui, Zappacosta, Kalinic e Mkhitaryan: il profilo di questi giocatori, il momento della carriera di questi giocatori, la necessità che aveva la Roma Roma e la necessità che avevano loro ci fa essere tranquilli che siano operazioni ben fatte. Durante la stagione, un po’ più avanti, faremo le valutazioni del caso, ma per la tipologia di giocatori che è arrivata con questa formula possiamo confidare sia stato fatto tutto nella maniera migliore per tutti.

Il fatto che abbiate preso tre giocatori in prestito secco è un indice di cambio di filosofia o una questione di contingenza? In passato la Roma aveva sempre patrimonializzato i calciatori per poi magari utilizzarli per fare È un caso che vengano dalla Premier League? Sono più pronti e adatti al calcio di Fonseca?
Per quello che riguarda la certezza che siano state fatte buone operazioni negli interessi di tutti ho già risposto prima e ribadisco il concetto. Sulla filosofia, sul progetto, è più adatto il direttore Gianluca Petrachi a spiegare questa cosa e dettagliarla bene. Riguarda una parte alta della prima squadra che io non posso permettermi di affrontare. Sono quattro i prestiti, tre sono dalla Premier dove ci sono opportunità importanti perché in questa fase ci sono grandi giocatori, è questo il ragionamento. Non è che si ragiona sulla Premier o si esclude un altro campionato. È la qualità del giocatore che arriva che deve soddisfare la Roma.

La coda del mercato della Roma è sembrata molto impregnata di Premier League o di Inghilterra. Baldini – al netto della bontà del lavoro di Petrachi – ha giocato un ruolo un po’ più attivo sul fronte Smalling o Mkhitaryan?
La prossima settimana rientra il direttore Petrachi e risponderà a questa domanda, che trovo abbastanza maliziosa. Mi permetto di dire che è maliziosa, ma mi permetto di dire che sono arrivati grandi giocatori. La provenienza può essere anche casuale visto che è arrivato un grande giocatore dalla Spagna che è Kalinic. Mi fermo lì perché a questa domanda risponderà molto più volentieri Gianluca Petrachi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy