Nela: “Non tutti possono giocare alla Roma, bisogna essere pronti. C’è una passione straordinaria”

L’ex giocatore giallorosso ricorda il suo gol contro la Lazio: “Se segni nel derby puoi permetterti di vivere di rendita per qualche mese in città”

di Redazione, @forzaroma

Sebino Nela festeggerà presto i 60 anni: il 13 marzo, infatti, è il compleanno dell’ex giallorosso. Da calciatore ha indossato la maglia di Genoa, Roma e Napoli e a ItalPress ha parlato della sua carriera calcistica e del suo futuro: “Ho avuto la fortuna di giocare a casa mia col Genoa, la prima società d’Italia, poi con Roma e Napoli, tre piazze pazzesche con una passione straordinaria, dove i tifosi si fanno sentire all’esterno. Forse anche troppo ed è per questo che non tutti sono adatti a indossare queste maglie: bisogna essere pronti”. Da quasi dieci anni, infatti, l’ex dirigente della Roma lotta contro un tumore al colon: “Non penso a questo compleanno come un traguardo particolare, guardo al futuro sperando sia più roseo. Spesso si dice ‘la partita più importante’, ma io non la vedo così, sarebbe troppo lunga per essere una gara. Il gol nel derby? Sicuramente fu una grande emozione, poi dipende da come si vive il calcio. C’è chi sente il gol in maniera particolare, per chi è normalità e per chi è la cosa più bella del mondo. Io ero contentissimo, anche perché per il mio ruolo non capitava spesso. Quella partita la sentivo molto. E se segni nel derby puoi permetterti di vivere di rendita per qualche mese in città”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy