Moratti: “La Roma era la rivale storica dell’Inter. Per batterla nel 2010 è servita una prodezza di Milito”

L’ex presidente nerazzurro ricorda il triplete: “Quella con i giallorossi è stata la sfida più dura delle tre”

di Redazione, @forzaroma

A dieci anni di distanza dalla vittoria del triplete, l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti ricorda l’impresa della sua squadra. L’ostacolo più grande è stata la Roma, che ha lottato fino alla fine in campionato e in Coppa Italia. Quest’ultima alzata all’Olimpico il 5 maggio. Le sue parole a La Gazzetta dello Sport:

Quanto pesò quel successo?
Gettammo le basi per il resto. Vincendo peraltro la sfida più dura delle tre, soffrendo in puro stile Inter. La Roma era la rivale storica di quegli anni e ci teneva a superarci. Servì una prodezza da fuori, un gol non da Milito.

Seconda tappa, quella scudetto, a Siena.
Altra battaglia, ma diversa. L’avversario era meno forte della Roma ma giocò con una determinazione feroce. Poi Zanetti decise che bisognava riscrivere la storia, ne dribblò un po’ e servì un pallone d’oro a Milito.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy