La Roma in udienza dal Papa: “Grande emozione”. Totti: “Amo questi colori come 25 anni fa”

Il capitano giallorosso sulla sua ultima stagione da giocatore: “Voglio che sia una stagione speciale. Per me e per i tifosi. Dentro e fuori dal campo”. Roma oggi in udienza dal Santo Padre, domani la Festa della Famiglia e l’amichevole con il San Lorenzo

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Una giornata sicuramente da ricordare per i giocatori della Roma e del San Lorenzo che questa mattina sono stati ricevuti in udienza dal Santo Padre. Le due squadre intorno alle 11.30 hanno incontrato in Vaticano Papa Francesco, in occasione del match che si terrà domani pomeriggio allo stadio Olimpico per la Festa della Famiglia, evento i cui ricavati andranno in beneficenza per le popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto. Il Papa, che ha salutato uno a uno i giocatori dei due club (“Un’emozione indescrivibile”, il commento di molti calciatori sui social), per l’occasione ha voluto autografare una maglia speciale che andrà all’asta nella piattaforma “Football Cares”, contribuendo così all’iniziativa di solidarietà. Dopo la visita al Vaticano una delegazione del San Lorenzo ha incontrato anche il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, donandole una maglia del loro club.

BALDISSONI E SPALLETTI – Al termine dell’udienza Baldissoni e Spalletti sono stati ospiti su Rai 1 della trasmissione “La vita in diretta”, per lanciare un appello a tutti i tifosi affinché partecipino numerosi all’evento di domani. “Quando vedi le immagini del terremoto di ti viene voglia di essere utile per togliere il primo mattone che copre una persona, anche se poi ci rendiamo conto di essere impotenti. Ci sentiamo in dovere, trasportati a fare qualcosa soprattutto per i bambini”, le parole del tecnico toscano. Il dg giallorosso ha invece raccontato l’incontro con il Santo Padre: “Ci ha mostrato una maglia del San Lorenzo del 1946, oltre a una maglia di lana di quando seguiva la squadra. Ci ha autografato una divisa della Roma che gli abbiamo portato con il logo del Giubileo davanti e il numero 1 sulle spalle, sotto il nome Francesco. E’ importante che domani ci sia gente allo stadio, che i tifosi partecipino”. 

EL SHAARAWY – “Incontrare il Papa è stata una gran bella emozione, molto forte”. Così Stephan El Shaarawy ha raccontato l’incontro con Papa Francesco ai microfoni di Roma Tv. L’attaccante giallorosso ha invitato tutti i tifosi a partecipare numerosi alla festa di domani intorno al Foro Italico durante la giornata e alle 18.00 per il match all’Olimpico. L’ex Milan ha poi commentato questo difficile avvio di stagione della Roma: “Non siamo riusciti ad andare in Champions ma l’Europa League rimane un nostro grande obiettivo oltre al campionato. Cerchiamo quindi subito di ripartire facendo una buona partita e un buon risultato contro la Sampdoria. Ci sono i presupposti per fare bene in questa stagione perché la squadra è forte e ha un potenziale davvero importante”.

TRIGORIA – Prima dell’incontro tra le mura vaticane, i giallorossi hanno svolto l’allenamento odierno. Palestra, tattica e partitella 6 contro 6 (vista l’assenza dei nazionali): Totti è tornato definitivamente con il gruppo e domani giocherà titolare nel match contro gli argentini (indossando una maglia speciale, “Francesco” sopra il numero 10). Lavoro individuale invece per Juan Jesus e Perotti, le cui condizioni però non preoccupano lo staff giallorosso. Si è fermato anche Daniele De Rossi per l’infortunio rimediato ieri nel match tra Italia e Francia. Il centrocampista giallorosso ha riportato un trauma contusivo al polpaccio sinistro e non sarà disponibile per la sfida contro Israele in programma lunedì. De Rossi ha lasciato il ritiro ed è rientrato a Roma per iniziare subito le cure.

TOTTI – Quella contro il San Lorenzo sarà la sua prima partita da titolare della stagione. La venticinquesima e l’ultima di Francesco Totti con la maglia della Roma. “E’ passato un quarto di secolo dal mio esordio con la maglia giallorossa. 25 anni pieni di vittorie, sconfitte, gol, gioie, delusioni. Ho vissuto talmente tante emozioni in questi anni che è davvero difficile fare una classifica di quelle più intense”. E’ difficile descrivere l’amore per una città, per una squadra i cui colori ha sempre onorato e difeso: Francesco ci prova con una lettere pubblicata sul proprio blog qualche giorno fa: “Quello che è certo è che la voglia di vestire questa maglia e di vivere e regalare emozioni è ancora intatta. Come se il tempo non fosse mai passato, affronterò questa venticinquesima stagione con la determinazione e la voglia di sempre, certo che questa squadra darà il massimo per regalare ai nostri tifosi le soddisfazioni che meritano. In questi anni ho sempre percepito con forza l’affetto, l’amore e la passione di questa città, dei tifosi della Roma e anche di chi mi ha sempre sostenuto in Italia e all’estero. Sentimenti autentici, che hanno contribuito a farmi sentire ancora più orgoglioso di questi colori che ho l’onore di portare. La mia venticinquesima stagione da professionista con la maglia della Roma coincide con un importante traguardo della mia vita: 40 anni, tra poco più di un mese. Mi aspettano importanti sfide e nuove prospettive che sono pronto a condividere con chi mi ha sempre amato e sostenuto. Voglio che sia una stagione speciale. Per me e per i tifosi. Dentro e fuori dal campo”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy