Karsdorp: “Alla Roma lo stress mi ha condizionato. Mi sono fatto male per uno sprint rabbioso”

Karsdorp: “Alla Roma lo stress mi ha condizionato. Mi sono fatto male per uno sprint rabbioso”

Il terzino olandese spiega i tanti infortuni: “Se sei arrabbiato perché non giochi mai o perché sei sempre infortunato, non hai la testa libera. Al Feyenoord sono più rilassato”

di Redazione, @forzaroma

Rick Karsdorp è tornato in Olanda dopo due anni deludenti alla Roma. Il terzino classe ’95 sembrava dovesse essere il top player del futuro giallorosso ma un ambientamento complicato e i tanti infortuni hanno reso la sua avventura romanista un vero e proprio incubo. Il rientro al Feyenoord ha già portato i primi benefici a livello fisico: “Ho fatto l’intera preparazione con la Roma, quindi puoi pensare che fossi totalmente in forma. Ma se hai giocato così poco per due anni vai ancora incontro a qualche problema, però sono ancora giovane e scompariranno presto”. Karsdorp racconta al ‘De Telegraaf’: “Ho recuperato dall’infortunio al crociato, ma poi ho avuto all’improvviso un altro infortunio al tendine. Qui, però, non ho niente. Dal primo giorno mi sono sentito più fresco al Feyenoord, ma davvero qui non ci si allena meno rispetto all’Italia. Devi andare al massimo con Stam”. Lo stress in Italia può aver giocato un ruolo decisivo? “Non lo escludo, si dice ‘mens sana in corpore sano’. Se ti diverti e hai più fiducia giochi in maniera più libera. Se sei stressato perché sei di nuovo infortunato, o sei arrabbiato perché non giochi mai, la tua testa sarà diversa. Quindi, per invidia o per rabbia, in allenamento ho fatto uno sprint e improvvisamente mi sono infortunato di nuovo. Qui invece sono più rilassato”.

Poi sulla nazionale: “Già me l’hanno chiesto, ma ho giocato solo 4 partite e soprattutto 15 partite nelle 100 settimane precedenti. Se faccio 10 assist e 5 gol è una domanda che ci sta, ma non ora. Sono tornato al Feyenoord anche per questo, se sai che giochi ogni settimana e fai bene, ci saranno opportunità”. Infine sulla reazione alla sostituzione contro il Willem II: “Non è stata una cosa molto furba, vero? Ho parlato con l’allenatore subito dopo la partita. Sa che io ho una mentalità vincente. Eravamo 0-0, avevo sempre la sensazione che potessi fare di più per la squadra ma ha fatto bene a cambiarmi”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy