Juan Jesus si inginocchia per Floyd: “Siamo tutti insieme, senza razzismo” – FOTO

Juan Jesus si inginocchia per Floyd: “Siamo tutti insieme, senza razzismo” – FOTO

Il difensore brasiliano: “È il più grande insegnamento che possiamo passarci l’un l’altro. Io lo faccio con i miei figli”

di Redazione, @forzaroma

Juan Jesus si inginocchia in onore di George Floyd. Il difensore brasiliano ha postato una foto sul suo account Instagram per mandare un messaggio contro il razzismo, unendosi ai tantissimi che per le strade americane e sui social di tutto il mondo hanno voluto far sentire la propria vicinanza a chi sta rivendicando i propri diritti: A mio figlio Dudù, a mia figlia Sofia. Il più grande insegnamento che possiamo passarci l’un l’altro, come un testimone, è che in questo Mondo siamo tutti insieme. Senza barriere, senza violenza. Senza razzismo”. Poco dopo anche Justin Kluivert si è unito al “coro” social: una foto completamente nera e l’hashtag #BlackOutTuesday che sta condividendo tutto il mondo. 

Nei giorni scorsi sono stati tantissimi i messaggi arrivati dal mondo dello sport: Thuram Jr. del Borussia Moenchengladbach si è inginocchiato dopo aver segnato in Bundesliga, Sancho del Borussia Dortmund ha mostrato una maglia con la scritta “giustizia per George Floyd”, il Liverpool ha iniziato la seduta di allenamento inginocchiandosi. Idea ripresa anche dai Blues del Chelsea: Ruediger, ex difensore giallorosso, ha voluto condividere l’impegno della società inglese contro il razzismo attraverso un post e un pensiero su Twitter: “Il troppo stroppia. Siamo tutti umani e insieme siamo più forti”.

Il gesto di inginocchiarsi risale a Colin Kaepernick, giocatore di football americano, quarterback dei San Francisco 49ers. Il 26 agosto del 2016 fece questo gesto durante l’esecuzione dell’inno americano prima di un’amichevole giocata in casa contro i Green Bay Packers. Poi spiegò più tardi che il motivo della sua protesta fu ispirato dall’uccisione nel dicembre del 2015 di un 26enne afroamericano, Mario Woods, per mano della polizia: il giovane si rifiutò di gettare un piccolo coltello a serramanico, gli agenti gli spararono oltre 20 colpi di pistola.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy