Pau Lopez-Veretout: “Situazione grave, ma passerà tutto”. Intanto El Sha progetta il ritorno

Pau Lopez-Veretout: “Situazione grave, ma passerà tutto”. Intanto El Sha progetta il ritorno

Perez: “Mi piace stare solo, posso allenarmi”. Anche Amra Dzeko si confessa dalla quarantena: “Ecco come sorprendo il mio Edin”

di Gianluca Viscogliosi

La quarantena giallorossa continua. E non soltanto dai social arrivano video e messaggi dei campioni della Roma per i propri fan e tifosi, soprattutto in questo momento in cui la sensibilizzazione al bene comune deve essere al primo posto. “Roma è quasi morta. Di solito è una città sempre affollata, occupata. Le grandi piazze, il Vaticano, solitamente sono sempre piene. Nel mio quartiere c’è sempre rumore di fondo. Lì, quando esco in giardino con le mie figlie, c’è una sensazione di vuoto, di niente, è un po’ spaventoso. Ma viviamo così ora. La situazione è molto grave”. E’ un Jordan Veretout a tutto tondo quello che si è confessato all’Equipe, cercando di far capire al pubblico francese non solo le difficoltà sportive, ma anche quelle emotive di vivere in Italia in un momento delicato come questo. Una sensibilità sottolineata anche da Pau Lopez a Canal Sur: “È una situazione complicata che ci prende tutti impreparati. La stiamo vivendo con tristezza. Roma non è una zona caotica come il nord Italia, ma la situazione è difficile in tutto il paese. Viviamo giorno dopo giorno seguendo le notizie. Il club ha preso delle misure affinché la gente passi più tempo possibile a casa. Ovviamente ne perde il calcio e ne perdono i tifosi, ma sono misure che sono state prese per il bene di tutti“.

FUORI E DENTRO – In casa Juve continuano le polemiche, con Dougals Costa che ha lasciato l’Italia e il caso di positività di Paulo Dybala. A progettare il ritorno in Italia è invece El Shaarawy. Ad ostacolare l’operazione ci sarebbe il suo straordinario ingaggio – 14 milioni netti a stagione – ma il Faraone pur di riabbracciare Trigoria e tanti ex compagni di squadra sarebbe pronto a fare un sostanzioso sconto magari accettando 2,5 milioni per un contratto almeno triennale. Un rinforzo importante per un attacco già di livello altissimo in cui tornerà a brillare la stella di Nicolò Zaniolo e in cui probabilmente ci sarà spazio anche per Carles Perez. Lo spagnolo ha parlato a Mundo Deportivo spiegando al popolo spagnolo la quarantena romana: “Mi piace stare da solo, avere il mio spazio e la mia tranquillità. Ma è vero che ora sono rinchiuso in casa da più di una settimana, 24 ore al giorno senza vedere quasi nessuno. Se fossi con i miei genitori e mio fratello, sarebbe più piacevole”. Chi è attorniato invece dagli affetti familiari è Edin Dzeko. “Il tempo ci passa in fretta e lo sfruttiamo per stare più tempo con i nostri figli“, ha confessato Amra, “Abbiamo aderito alle iniziative della Roma a sostegno dello Spallanzani e di chi sta aiutando la collettività“.

FUTURO – In attesa di capire quando tornare in campo c’è chi si allena come Ibanez e chi parla con un pizzico di malinconia dell’arrivo sfiorato alla Roma, come Malcom. Tutti aspettano e sperano che l’emergenza sanitaria possa placarsi quanto prima, per dare modo così alla UEFA e alle federazioni nazionali di cercare l’organizzazione migliore. Intanto il massimo organismo del calcio europeo avrebbe deciso per il rinvio della deadline per la presentazione della situazione debitoria dei club, dando di fatto più tempo alle società per organizzarsi in regime di fair play finanziario. Continua la bagarre in Serie A tra squadre e calciatori, tra chi vorrebbe allenarsi e chi invece mette al primo posto la salute degli atleti. Un altro tavolo di discussione importante sarà sicuramente quello relativo al taglio eventuale degli stipendi. Una situazione che coinvolgerà di sicuro anche i giallorossi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy