Gent, per i tifosi romanisti tram extra. Il coordinatore della sicurezza: “Niente allarmismi per Coronavirus”

Gent, per i tifosi romanisti tram extra. Il coordinatore della sicurezza: “Niente allarmismi per Coronavirus”

Ecco come il club belga intende gestire l’afflusso dei tifosi romanisti alla Ghelamco Arena

di Redazione, @forzaroma

Per la trasferta belga a Gand contro il Gent di giovedì, in cui la Roma cercherà di prendersi la qualificazione agli ottavi, sono previsti circa 1300 tifosi giallorossi. A comunicarlo è Dirk Piens, coordinatore della sicurezza dei Bufali: “I tifosi dall’Italia dovrebbero essere 1300. Abbiamo allestito 3 punti di incontro, di cui due allo stadio. Il punto d’incontro sarà al Korenmarkt. Nei punti di incontro ci saranno anche istruzioni di sicurezza in italiano. Per la prima volta siamo riusciti a stringere accordi con una società avversaria per il trasporto allo stadio, che sarà migliore di quello a Roma. I pullman per lo stadio erano miserabili. Troppe persone e pochi autobus. In più i nostri tifosi sono stati perquisiti ben 4 volte, sono stati costretti anche a togliersi le scarpe. A Gand gli italiani saranno accolti meglio“, denuncia Piens al portale belga hln.be.

Il dirigente continua poi il piano per portare i tifosi capitolini allo stadio: “Ai supporter italiani abbiamo fatto pagare 38 euro anziché 35. Con quei tre euro in più offriamo il trasporto gratuito dalla città allo stadio. Ci saranno tre tram extra per lo stadio, ciascuno con una capacità di 300 persone. Saranno lasciati alla fermata UZ e poi percorreranno un chilometro fino allo stadio. Fuori la Ghelamco Arena, inoltre, ci saranno anche dei cani per individuare fuochi d’artificio e fumogeni“. Per l’allarme coronavirus, invece, Piens assicura i tifosi belgi: “Al momento non ci sono casi a Roma, ma solo nel nord Italia. Non si devono creare allarmismi“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy