Garcia: “Vogliamo battere la Juve sfruttando il fattore Olimpico” – AUDIO – VIDEO

Le parole del tecnico giallorosso in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Juventus in programma domani all’Olimpico

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Meno uno al match contro la Juventus, meno due alla chiusura del mercato. Se il tema principale della conferenza stampa del tecnico giallorosso Rudi Garcia non poteva che essere la sfida-scudetto contro i bianconeri, in questo fine settimana tiene banco anche la vicenda Iturbe, nel limbo tra Roma e Genoa dopo il clamoroso tentennamento di Walter Sabatini.

IL MATCH“Voglio vedere un ritmo più alto. Voglio vedere la Roma che gioca come ha giocato quando ha preso il gol a Verona. Domani dobbiamo iniziare come se siamo sotto sul tabellone, così giochiamo subito per vincere, come abbiamo fatto dopo il gol a Verona ma non abbastanza prima del gol. Non è che era tutto brutto prima ma il ritmo non era abbastanza alto. Dobbiamo tenere a mente questa cosa”. Garcia vuole una Roma diversa, per scacciare i fantasmi dello scorso campionato. La notizia è che non giocherà, stando a quanto dice il tecnico, il nuovo arrivato Lucas Digne, non ritenuto pronto a pochi giorni dal suo arrivo: “Al 90% la squadra in mente ce l’ho, bisogna vedere Torosidis come starà. Sta comunque recuperando benissimo. Se torna al 100% giocherà lui a sinistra, così lasciamo a Digne del tempo per adattarsi”. Strategia pre-gara? Questa è la sensazione. Il terzino francese, visti anche i problemi (sia tecnici che fisici) di Torosidis, potrebbe far parte degli undici titolari, con il greco pronto a subentrare a partita in corso.

L’AVVERSARIA – Quella di domenica sarà sicuramente una Juventus nuova rispetto a quella affrontata nella passata stagione. Le partenze di Tevez, Pirlo e Vidal per il tecnico francese non hanno indebolito i bianconeri, grazie agli acquisti di giocatori di livello. “Sono arrivati Mandzukic, Zaza, Dybala, Khedira, Sandro e forse me ne dimentico altri ancora. La squadra che ha vinto gli ultimi 4 campionati è una squadra di alto livello. Quasi nessuna squadra è pronta all’inizio della stagione”. Continua la strategia “low profle” adottata dalla Roma per non incappare in scivoloni stile post Juventus-Roma dello scorso ottobre. “I bianconeri rimangono una squadra di alto livello, e domani sarà una grande partita. Dovremo essere al nostro massimo per vincere”.

IL MERCATO“Il mercato non deve influire, soprattutto nella testa dei giocatori. Noi dobbiamo essere concentrati soltanto sulla partita di domani, sapendo che il mercato chiude lunedì sera. Oggi, domani e lunedì la Roma lavora ancora su questo punto. Io faccio in modo di contare sui giocatori che ho in rosa”. Iturbe, salvo ripensamenti di Sabatini, partirà nelle prossime ore per accasarsi al Genoa. Per il momento però è ancora a Trigoria e l’allenatore lo convocherà per il big match di domani alle 18.00.

LA CONFERENZA STAMPA DI GARCIA

Quanto influisce il mercato ancora aperto durante le prime due di campionato? In che modo, nel bene o nel male?
Non deve influire, soprattutto nella testa dei giocatori. Noi dobbiamo essere concentrati soltanto sulla partita di domani, sapendo che il mercato chiude lunedì sera. Oggi, domani e lunedì la Roma lavora ancora su questo punto. Io faccio in modo di contare sui giocatori che ho in rosa. Con i giocatori che sono arrivati da poco abbiamo fatto in modo di sfruttare al meglio il tempo che abbiamo avuto per lavorare con la squadra, non è che uno si inserisce così senza lavorare.

Cosa non le è piaciuto della partita con il Verona che non vorrebbe rivedere contro la Juventus?
Voglio vedere un ritmo più alto. Voglio vedere la Roma che gioca come ha giocato quando ha preso il gol a Verona. Domani dobbiamo iniziare come se siamo sotto sul tabellone, così giochiamo subito per vincere, come abbiamo fatto dopo il gol a Verona ma non abbastanza prima del gol. Non è che era tutto brutto prima ma il ritmo non era abbastanza alto. Dobbiamo tenere a mente questa cosa.

La Roma è cambiata tanto, ma anche la Juventus. Ha perso Pirlo, Tevez e Vidal e sono arrivati nuovi acquisti. Che idea si è fatto della Juventus di questa stagione?
Sono arrivati Mandzukic, Zaza, Dybala, Khedira, Sandro e forse me ne dimentico altri ancora. La squadra che ha vinto gli ultimi 4 campionati è una squadra di alto livello. Quasi nessuna squadra è pronta in questo momento della stagione. Noi abbiamo fatto in modo di lavorare di più in questa settimana per avvicinarci al 100%. È una gara di alto livello, anche se è un po’ particolare in Italia giocare una gara di questo livello alla seconda giornata. In Francia non è così. Non sono stupito di questa cosa. Dobbiamo giocarla per vincere e di sfruttare il fatto di giocare in casa davanti ai nostri tifosi.

Ha dei dubbi sulla formazione o ce l’ha già? Insisterà sul 4-3-3?
Al 90% la squadra ce l’ho, sto aspettando di capire se Torosidis torna al 100% domani, quando faremo un risveglio muscolare domani. L’abbiamo tenuto fuori per precauzione per un affaticamento muscolare, ma sta comunque recuperando benissimo. Se, come penso torna al 100%, giocherà lui a sinistra, così lasciamo a Digne del tempo per adattarsi a questa squadra. Per gli altri posti lo scoprirete domani. Inizieremo con una strategia, ma ne avremo almeno un’altra o altre due, e non solo con il modulo, per fare in modo di vincerla. Siamo ambiziosi, faremo di tutto per prendere i tre punti.

Come sta De Rossi che ha avuto qualche problema alla caviglia?
A Verona non aveva 90’ nelle gambe per un problema alla caviglia. Ora sta benissimo.

Maicon è al 100%?
Al 100% no ma sta tornando. Sul piano dell’infortunio ha recuperato tutto, non c’è più rischio per lui. Sono tutti convocati a parte Strootman e Ruediger.

È sorpreso di questa partenza falsa della Juve? Cosa pensa delle critiche alla Juve che molti fanno per le cessioni importanti come Pirlo, Vidal E Tevez? Alcuni sostengono che la squadra si sia indebolita…
Per tutti i club ci sarà la stagione a rispondere a queste critiche. Io mi sono già espresso su di loro. La Juventus rimane una squadra di alto livello, e domani sarà una gara di alto livello. Dovremo essere al nostro massimo del momento per vincere.

Lei ha detto che non è un’eresia vedere Totti e Dzeko insieme. Potremo vederli domani insieme? La soluzione per vederli insieme è abbassare Totti in un 4-3-1-2 o ci sono anche altre soluzioni tattiche?
Sì, possono giocare tutti e due. Se giochiamo più a due punte o a tre punte o se giochiamo contro una difesa a cinque. È una possibilità, ce la teniamo e la useremo durante la stagione.

Lei parlava di avere ritmi più alti nella partita contro la Juventus. La trasmissione della palla un po’ troppo lenta è un aspetto da migliorare in queste partite? Iturbe sarà convocato?
Sì, Iturbe è convocato. Se facciamo riferimento alla partita contro il Siviglia, la squadra ha dimostrato di saper giocare ad alto ritmo. Non torno sulle condizioni della partita di Verona ma non erano tutte al 100%, e parlo soprattutto del campo, per vedere un ritmo alto ed un palleggio veloce. Se vogliamo girare su ritmi alti non dobbiamo solo far girare la palla, dobbiamo essere più equilibrati trovando più larghezza e più verticalizzazione. Abbiamo i giocatori per farlo. Per i nuovi come Salah e Dzeko è normale che abbiano bisogno di tempo per inserirsi al meglio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy