Ferrero assicura: “Romagnoli tornerà alla Roma”. Gervinho ai titoli di coda, si lavora per un attaccante

“Romagnoli? Adesso sta ad Anzio, ma andrà alla Roma”. Il ritorno del classe ’95, dopo un anno di Samp, è sicuro. Dani Alves: “Ho ricevuto un’offerta dall’Italia”; l’ingaggio del terzino brasiliano, in scadenza con il Barça, però è di 6 milioni

di Guendalina Galdi, @Guend4lina_G

Ritorni diversi, ma pur sempre ritorni. Nella difesa della prossima stagione, la Roma vedrà tornare nella sua rosa due giocatori che, per motivi diversi, non vestono la maglia giallorossa da molto tempo. Uno è quello di Leandro Castan, l’altro è quello di Alessio Romagnoli. Il giovane difensore, dopo un anno alla Sampdoria in cui è stato protagonista di una crescita notevole, tornerà in giallorosso. E probabilmente per non andarsene più. Ad assicurare i tifosi della Roma, fieri di riaccogliere un altro dei prodotti del loro vivaio, è stato il presidente del club blucerchiato Massimo Ferrero, intervenuto sulle frequenze di Centro Suono Sport: “Romagnoli? Adesso sta ad Anzio, ma andrà alla Roma. Ho provato a comprarlo, ma la Roma non me lo ha dato”. Infatti la Samp sta già cercando un sostituto: “Zouma? Se arriverà lo sapremo il primo di luglio. Romagnoli lo sostituiremo con qualcuno che non ci farà rimpiangere Romagnoli”, ha chiuso Ferrero che ha speso anche qualche parola sullo Stadio della Roma, il cui progetto definitivo sarà consegnato in Campidoglio tra una settimana: “Penso che con il progetto stadio sono partiti in quarta e adesso stanno andando con il freno a mano tirato. Questo mi dispiace, ma secondo me per fare una cosa in questo paese bisogna stare sul pezzo tutti i giorni e tutte le ore. Per lo stadio bisogna che qualche responsabile vada da Marino e gli dica: ‘facciamo questo stadio’ “. Passando all’altra sponda della città, Ferrero ha parlato anche di Claudio Lotito: “Ha fatto un grande campionato, ha avuto un po’ di fortuna. Mi è venuto a rapinare la partita a Genova, è venuto un arbitro con gli occhi delle bambole. Se quest’anno non mi rispettano faccio un tale casino…però quest’anno 6/7 volte sono venuto con il cane per i cechi. Io sono carino e gentile, ma poi basta”.

Tornando a Romagnoli, il difensore è di proprietà della Roma che non intende lasciarlo a Genova. E non vuole nemmeno cedere alla richiesta di Sinisa Mihajlovic di portarlo con sè al Milan. L’attuale tecnico rossoblù l’ha visto crescere sotto i suoi occhi in questa stagione alla Sampdoria, in cui tra l’altro Romagnoli ha anche realizzato due gol. Un altro gioiello di Roma che ritorna a casa. Per far spazio al classe ’95 però qualcun altro dovrebbe andarsene. Già detto dell’altro atteso ritorno, quello di Castan, solo Mapou e Manolas sono sicuri della loro permanenza nella Capitale. Il partente più probabile sembra Davide Astori. Il suo futuro è ancora in bilico, tra Roma e Cagliari, e, qualora il club giallorosso decida di acquistare anche il resto del cartellino del giocatore, una delle ipotesi più probabili sembra quella che vede in seguito un’ulteriore cessione del centrale.

Se per quanto riguarda i centrali la Roma sembra più che coperta, sempre in tema difesa, restano da rinforzare le fasce. A sinistra c’è Holebas, Balzaretti è tornato ma resta da capire quanto potrà essere impiegato, e Cole se ne andrà dopo una stagione da dimenticare. A destra resta Torosidis, all’occorrenza Florenzi sarà ancora disposto a retrocedere, e dovrebbe ritornare, anche se a piccole dosi, Maicon. In chiave terzini, dopo la vittoria della Champions League, Dani Alves ha ammesso sinceramente di aver ricevuto un’offerta dall’Italia. “Io in Serie A? E’ possibile, ho un’offerta dall’Italia. Se il mio futuro sarà in Italia ben venga. Avete un campionato competitivo, con grandi squadre. Devo prendere la decisione migliore”, ha dichiarato il terzino blaugrana nel post gara di Juve-Barça a Mediaset e Sky. Su di lui c’è il Milan, squadra che però la prossima stagione non parteciperà alle Coppe europee, ma anche la Roma è interessata. Il brasiliano è in scadenza con il Barcellona (che però gli ha proposto di rinnovare per un altro anno) e prendere un giocatore del suo calibro a parametro zero sarebbe davvero un colpaccio. L’unico, e non piccolo, ostacolo tra Dani Alves e la Roma è rappresentato dal suo ingaggio: chiede sei milioni a stagione.

 

GERVINHO E’ PARTITO – Questa mattina Gervinho era all’aeroporto di Fiumicino per prendere il volo che l’ha portato a casa, in Costa d’Avorio. Vacanze iniziate per l’esterno ivoriano che nei giorni scorsi ha avuto modo di incontrare i vertici dell’Al Jazira. Il club arabo dovrebbe aver già trovato l’accordo con il giocatore; manca soltanto quello con la società giallorossa e poi si potrà dire ufficiale il trasferimento di Gervinho ad Abu Dhabi. E intanto si continua a lavorare per la Roma che verrà, una Roma sempre più sicura che sarà orfana della sua freccia nera. Sul fronte attacco, in particolare per quanto riguarda le ali, si è parlato anche di Juan Cuadrado. L’ex Fiorentina, da gennaio è passato al Chelsea di Mourinho, ma i pochi minuti collezionati potrebbero spingerlo a guardarsi intorno di nuovo. E dunque l’accostamento alla Roma. Non è una novità che la società giallorossa sia sul colombiano, ed ora che appartiene ai Blues l’unico scenario possibile per vederlo vestire giallorosso sarebbe in caso di un prestito stagionale. Alla Roma, più che alla corte di Mou, Cuadrado sarebbe sicuro di giocare. Anche perchè, non si dimentichi che, per la seconda stagione consecutiva, la squadra di Rudi Garcia sarà impegnata su tre fronti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy