Curva Sud, striscione per la famiglia Cucchi: “Non si può morire in una stanza deserta” – FOTO

“Non si può morire chiuso in una stanza deserta. Con la famiglia Cucchi finchè ogni porta sarà aperta”, lo striscione del gruppo della Curva Sud

di Redazione, @forzaroma

Il gruppo Fedayn ricorda Stefano Cucchi, il ragazzo di trent’anni morto il 22 ottobre 2009 sotto custodia cautelare. “Non si può morire chiuso in una stanza deserta. Con la famiglia Cucchi finchè ogni porta sarà aperta”, lo striscione esposto a Piazza Mancini dal gruppo della Curva Sud per la famiglia che ha distanza di sette anni non ha ancora ricevuto giustizia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy