Salerno (ds Cagliari): “A volte basta un euro per far saltare una trattativa”

di finconsadmin

“La situazione legata a Radja Nainggolan– conferma all’agenzia ANSA il direttore sportivo del Cagliari, Nicola Salerno – non e’ cambiata. Le trattative sono sempre quelle: impossibile dire a che punto siano e quando si potranno concludere, a volte basta un euro per far saltare tutto”. Niente Diavolo per il belga, dunque, che a Milano avrebbe ritrovato il suo primo allenatore nel Cagliari, Allegri. “Le squadre che lo stanno seguendo – conferma Salerno – sono due o tre. Quali? Roma, Napoli e Juventus”.

 

Ma finche’ non e’ fatta, non e’ nemmeno da escludere che Nainggolan alla fine resti al Cagliari. Un film gia’ visto nelle precedenti sessioni di mercato. La situazione potrebbe trascinarsi sino alla fine del mese. E domenica al Sant’Elia arriva proprio la Juve: Nainggolan, in buona sostanza, dovrebbe giocare con il Cagliari. Poi si vedra’. Oggi il Milan, che sembrava in pole position, si e’ chiamata fuori. Restano favorite, piu’ che i bianconeri, la Roma e il Napoli. La prima soprattutto: a Garcia servono giocatori duttili come il belga bravi a difendere e ripartire. Ad aggredire chi porta palla e ad attaccare gli spazi quando la situazione tattica della gara lo richiede. Nelle settimane scorse si era parlato anche di cifre e le basi della trattativa sembravano partire da una quotazione di 7,5 milioni per meta’ del cartellino. Anche il Napoli e’ molto interessato al centrocampista, ma la Roma avrebbe offerto 9 milioni per la meta’ del cartellino.

 

Non contano solo le offerte, pero’, l’ultima parola e’ sempre di Cellino. Il presidente dovra’ valutare in questi giorni se la squadra e’ al sicuro anche senza Nainggolan: si parte dal presupposto che, per il patron rossoblu’, la serie A vale, anche economicamente, piu’ dei soldi che eventualmente dovessero arrivare dalla cessione dell’ex Piacenza. Comunque una scommessa vinta: il Cagliari aveva scovato Nainggolan in serie B. E aveva creduto in lui nonostante l’approccio non fosse stato, almeno il primo anno, dei migliori. Una fiducia ben ripagata nelle stagioni successive. (ANSA)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy