G.Di Marzio parla di Sabatini: “E' il tipico cacciatore di talenti”

di Redazione, @forzaroma

Gianluca Di Marzio, grande esperto di mercato, parla di Walter Sabatini e del suo operato per il sito ‘Virgilio Sport‘:

È sempre stata la sua specialità. Walter Sabatini, il cacciatore di talenti. Giovani, spesso sudamericani, soprattutto bravi. L’estate scorsa, quando il ds giallorosso insisteva con il Parma per avere in prestito (successivamente trasformato in comproprietà) Borini, in pochi avrebbero previsto un colpo del genere“. L’ultima scoperta del ds giallorosso è Dodò, esterno sinistro del Corinthians di grandi prospettive. Il noto giornalista da i suo giudizio sul giocatore: “Il brasiliano, classe 92, è l’ultimo affare messo in piedi da Sabatini, una trattativa tenuta a lungo segreta, diventata di dominio pubblico martedì sera, adesso che ormai manca davvero poco perché si chiuda senza rischi e sorprese. Dodô infatti è a scadenza di contratto (a fine luglio) con il Corinthians, sta recuperando da un brutto infortunio, molti club italiani avrebbero voluto rivederlo dopo la guarigione, Sabatini ha invece scommesso ad occhi chiusi. Forse perché il suo nome era segnato sul taccuino del ds dai tempi dell’Under 17, quando era compagno nel Brasile di Neymar e Coutinho.  Tecnico, veloce, bravo nella spinta, l’esterno giusto (come caratteristiche) per il gioco di Luis Enrique, che dovrà migliorarne naturalmente la fase difensiva e la struttura fisica. A Novembre, quando giocava in prestito al Bahia, il crociato andò in frantumi dopo un fallaccio di Bolivar, il difensore più cattivo dell’Internacional, squalificato fino al pieno recupero del suo avversario. In tribuna a vedere quella partita c’erano i ds di Juve e Inter, Paratici e Ausilio, quest’ultimo in compagnia di Juan Jesus e del padre, prove di matrimonio nerazzurro. Gli occhi italiani erano tutti per Oscar e Leandro Damiao, ma quel ragazzino tutto mancino stupì per il controllo e la personalità, il suo numero fu sottolineato con il rosso dagli osservatori presenti. Poi l’infortunio, il lungo stop, ma Sabatini zitto zitto approfitta della situazione per bloccarlo e prenotarlo per la Roma che verrà. Tipico del cacciatore di talenti“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy