Delli Carri: “Stasera con Zeman parleremo del suo futuro. Abbiamo riscattato la metà di Caprari”

di Redazione, @forzaroma

“Su Caprari c’era già un accordo con la Roma, e abbiamo rispettato quanto pattuito a Gennaio”. Queste le parole di Daniele Delli Carri, direttore sportivo del Pescara, che ai microfoni di Radio Manà Manà Sport,

spiega che “Con la Roma abbiamo parlato solo di Caprari – prosegue Delli Carri – un mese fa dissi al mio presidente che l’unica squadra per la quale Zeman avrebbe potuto lasciare il Pescara, era la Roma. Sarei un dilettante se mi fossi spostato a Roma per parlare di Zeman anche perchè la scelta di lasciare o di restare sulla nostra panchina dipenderà solo ed esclusivamente dal mister. Da parte nostra abbiamo già espresso circa due mesi fa a Zeman la volontà di proseguire con lui questo progetto. Stasera parlerò con il mister per capire cosa ha deciso.”

Durante la trasmissione ‘1927 la storia continua’, Delli Carri continua: “Ieri ci siamo incontrati con Sabatini, verso le 16:00 : abbiamo deciso di riscattare la metà del cartellino di Caprari per 1.2 milioni di euro. Per una questione di correttezza e per rispetto di Walter Sabatini, invece di comunicare questa decisione telefonicamente, ho deciso di venire a Roma, anche perchè speriamo che questa collaborazione tra Roma e Pescara possa proseguire anche nei prossimi anni, visti i buoni rapporti tra le due dirigenze.”

Il ds del Pescara conclude sul futuro dei gioielli del Pescara: “Ci sono tante società che si sono inserite su Verratti, ma tra queste non c’è la Roma. Verratti al 99% posso dire che rimarrà al Pescara, perché ha chiesto al presidente di rimanere qui. E’ un ragazzo eccezionale, che stupisce a livello di intelligenza perchè capisce quello che può essere il suo futuro professionale: ha capito che il suo percorso preveda almeno un altro anno a Pescara. L’unico che credo lascerà il Pescara è Immobile, che molto probabilmente tornerà a Genova.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy