Roma, i gioielli di fine anno

Roma, i gioielli di fine anno

Da Schick e Perotti fino a baby Zaniolo ecco chi ha cambiato marcia e ora corre. La sfida con il Sassuolo ha regalato sorrisi vecchi e nuovi a Di Francesco

di Redazione, @forzaroma

Finisce l’anno, manca una sola partita, domani a Parma, e finalmente il tifoso della Roma comincia ad apprezzare chi, fino a questo momento, non era mai esistito ed era stato detestato, e per un giorno smette di pensare a Zaniolo come l’unico da salvare, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

Parliamo di Schick, ad esempio, che ci ha messo un po’ per emergere. Aveva cominciato l’anno con l’idea di essere protagonista, e invece niente: annegato tra i vari problemi della Roma.  Dopo quei sedici minuti disastrosi con la Fiorentina, quando aveva messo piede in campo senza essere presente e senza essersene nemmeno accorto, senza contribuire, senza amore, senza nulla, Patrik ha giocato da titolare sei delle successive sette partite di campionato (Sampdoria, Udinese, Inter, Cagliari, Juventus e Sassuolo) più due di Champions League (Real Madrid e Viktoria Plzen), realizzando una rete con la Sampdoria e una con il Sassuolo.

Ma al di là dei gol è l’atteggiamento: l’esatto contrario di quel pomeriggio di Firenze. Lì un giocatore assente, qui vivo e coinvolto a pieno. E questo è un segnale: perché in certe condizioni di fiducia è e sarà più semplice mostrare il proprio talento. Ora servono conferme, non basta una partita così.

Di Francesco (oggi saprà se Patrik sarà disponibile per Parma) oltre a Schick, potrà contare pure su Perotti, che tra gli attaccanti del pacchetto esterno è quello con caratteristiche uniche. Uno che salta l’uomo, che viene a giocare il pallone, dà sicurezza ai compagni (vedi Kolarov, primo a godere del suo ritorno). Parliamo di un calciatore che lo scorso anno è stato fondamentale, schierato spesso da titolare (18 volte su 28 in cui è stato a disposizione in campionato e 8 su 9 in Champions). Sulla sinistra adesso Di Francesco avrà a disposizione anche El Shaarawy, che lo scorso anno si è alternato proprio con Diego nel ruolo di alto a sinistra: Stephan ha recuperato dall’infortunio muscolare e, proprio come la passata stagione, può mettersi a disposizione anche sull’altra fascia, per ora occupata da un Under un po’ in calo e un Kluivert scalpitante e che pure lui sta dando segnali di risveglio.

Cosa che non si può dire, al momento, per Pastore, apparso un indietro fisicamente e (apparentemente) demotivato, fuori contesto. Per qualcuno servono conferme immediate, per altri c’è da aspettare un po’, insomma. Meglio, molto meglio anche Steven Nzonzi, che sta facendo gli straordinari, vista la perdurante assenza di De Rossi, (dal 26 settembre, Roma-Frosinone, ha giocato tutte, 13, le partite di campionato da titolare, e cinque di Champions League, e di queste solo tre volte non ha terminato la gara) e si è trovato vicino un giocatore che ha cominciato a crescere un po’ di tempo fa ovvero Cristante .  Entrambi, hanno trovato la velocità giusta, il ritmo non più compassato dei primi tempi: la palla, nella sfida contro il Sassuolo, ha cominciato a scorrere con una certa velocità e pericolosità. Non a caso, per Di Francesco è stata la migliore Roma dell’anno. Ecco, siamo a fine anno. Ma meglio tardi che mai, no?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy