Roma, difesa a oltranza

Marcano e Bianda via, occhi puntati su Maidana e Kabak. Dendoncker è un mediano capace di ricoprire due ruoli

di Redazione, @forzaroma

Tra questioni anagrafiche (Fazio, 32 anni a marzo; Kolarov, 34 il prossimo novembre), altre dovute al mercato (Manolas) e flop legati al rendimento (Marcano, Bianda), la difesa è il reparto che tra gennaio e la prossima estate rischia di essere maggiormente cambiato, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Marcano (360 minuti in stagione) – che nelle idee originarie doveva alternarsi con Fazio – nelle gerarchie interne è stato sorpassato anche da Jesus (che la Roma in estate ha provato a cedere prima al Torino, poi in Turchia e allo Zenit, scontrandosi con il no del calciatore), mentre Bianda – per il quale si pensava ad un inserimento graduale – ha incontrato ostacoli anche nel campionato Primavera.

Il problema, però, è stato il drastico calo nel rendimento di Fazio che ha acuito le difficoltà del reparto. Marcano tornerà in Spagna, lo vuole il Siviglia; Bianda andrà in prestito in serie B: piace al Crotone. Al loro posto, potrebbe arrivare Iago Maidana, brasiliano di proprietà del San Paolo ma in prestito all’Atletico Mineiro. Ventidue anni, è un difensore abituato a una linea a quattro. Di piede destro, anche se quasi sempre utilizzato sul centro-sinistra: forza atletica (196 centimetri), anticipo, colpo di testa, con una buona visione di gioco (a livello giovanile veniva utilizzato a centrocampo). Altro nome che circola è quello di Kabak del Galatasaray. A meno che la Roma non decida di prendere un calciatore che possa ricoprire (eventualmente) il doppio ruolo di mediano e all’occorrenza di difensore. Il profilo di Dendoncker (che piace in ogni caso) ha trovato conferme off record.

In estate si metterà mano in modo più radicale al reparto. Che, inutile girarci intorno, potrebbe vedere la dolorosissima partenza di Manolas.  I nomi sul taccuino di Monchi sono diversi. Tra questi ci sono quelli di Mancini (Atalanta), Andersen (Sampdoria) e Rugani (Juventus), anche se quest’ultimo rinnoverà entro gennaio per altri due anni. Monchi – per ora – s’è fermato ad un semplice pourparler. Andersen, 22enne danese della Samp, è però un pezzo pregiato del prossimo mercato: su di lui, c’è anche l’Inter.

A questi profili, nel caso di partenza di Manolas, andrebbe aggiunto un big. Al netto di possibili occasioni a parametro zero in Premier (Vertonghen, Alderweireld, Mangala e Kompany si svincolano a giugno), De Ligt, nonostante la giovane età, è il sogno. Apparentemente proibitivo vista la concorrenza. Ma l’agente dell’olandese indovinate chi è? Lo stesso di Manolas. Alias Mino Raiola.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy