L’amara storia di ferite e feriti

L’amara storia di ferite e feriti

Problemi muscolari e rotture di legamenti: la sfortuna si incrocia con il mercato che ha portato giocatori reduci da infortuni o a corto di preparazione

di Redazione, @forzaroma

Speriamo sia vero che il turnover in Austria è collegato all’importanza di una vittoria contro il Cagliari, perché viene piuttosto da pensare che la Roma a gestione Usa macina i giocatori a un ritmo impressionante. I 52 infortuni della scorsa stagione si sposano con 19 rotture di legamenti tra titolari e primavera, scrive Paolo Liguori su “Il Messaggero”. Sfortuna, certo, ma anche qualche conseguenza di mercato che, anno dopo anno, è sempre più casuale e vorticoso. Partono giocatori top e arrivano reduci da infortuni o a corto di preparazione, da inserire rapidamente. Nei casi passati di Schick e Pastore si deve almeno parlare di incauti acquisti. E il cambio Spinazzola-Pellegrini (con ricco conguaglio alla Juve) è ferita troppo fresca per insistere. Sono argomenti che potrebbero costituire un alibi per qualsiasi responsabilità dell’allenatore, se si sorvolasse sulla reazione di quest’ultimo: chi tace, acconsente. Fonseca oggi faticherà a schierare la squadra, noi speriamo non sbagli, perché il Cagliari di Radja è bruttissimo cliente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy