Calcioscommesse Brocchi e Gattuso tra gli indagati Mondiali nel mirino

di finconsadmin

(Il Messaggero  –  A. Abbate) – La sua villa di Gallarate era vuota, quando la polizia irrompeva ieri all’alba: anche Rino Gattuso, campione del mondo a Berlino, finisce nel vortice del calcioscommesse. Insieme all’altro nome eccellente, Cristian Brocchi, è accusato d’ associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva. Trenta sospette combine in serie A, diventano il triplo coi campionati minori sotto la lente. E stavolta nella bufera finiscono pure le gare delle big: Milan, Inter, Juve e ancora la Lazio. È la quarta scossa del terremoto “Last Bet”, l’inchiesta aperta ormai tre anni fa dalla Procura di Cremona e ancora in corso. Perquisizioni a tappeto, quattro persone in manette, altri sedici indagati: Claudio Bellucci, Davide Bombardini, Leonardo Colucci, Nicola Mingazzini, Lorenzo D’Anna e i giocatori, ancora in attività, Claudio Terzi, attualmente al Palermo, e Fabrizio Grillo del Siena.Nuove ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip Salvini. «Per un totale di 54 arresti e più di 120 persone iscritte nel registro – spiega Raffaele Grassi, direttore dello Sco – e questa storia non finisce mica con questa operazione». E un avvertimento del gip: il gruppo era pronto ad un piano di interventi sui prossimi mondiali.

 

La reazione di Ringhio è energica: «Mai e poi mai ho pensato minimamente di poter truccare una partita» dichiara Gattuso. «Se venisse dimostrato, sono disposto ad andare in piazza e ad ammazzarmi».
AMBIENTE MARCIO
Il mondo del calcio è scosso. Ma dalle indagini emerge un ambiente marcio, da pulire a fondo: «L’Italia non ha reagito un granché, nonostante gli arresti e le indagini – bisbiglia, quasi rassegnato, il pm Di Martino – perché buona parte di questi personaggi continua a fare come prima. Ci sono oltre 50 partite del 2013 (quattro di serie A, ndr), soprattutto dei campionati minori, oggetto d’indicazioni. Il “Vecchio” Spadaro riprende con le combine in tempi recenti, dopo un intervallo probabilmente legato agli arresti precedenti». Ieri, il 64enne finiva in manette a Messina. Noto a Camaro, quartiere peloritano, Salvatore Spadaro era il famoso “Mister X” identificato dall’ex latitante Gegic il 23 marzo. Con lui in carcere l’amico Cosimo Rinci, dirigente del Riccione legato all’ex presidente dell’Ancona Pieroni (coinvolto nella prima fase dell’inchiesta) e Fabio Quadri, factotum di Spadaro.
I BOLOGNESI
Associato al gruppo dei “bolognesi” di Beppe Signori, Spadaro agiva d’accordo con Francesco Bazzani, il “Mister Y” – anche lui ieri in gattabuia – a sua volta in contatto pure con gli “Zingari”. Erano le due menti d’intermediazione delle scommesse, chiedevano 600-700 mila euro. Cifre uscite dalle bocche di alcuni indagati nelle intercettazioni: «Con gli ultimi accertamenti sono emersi i contatti di Bazzani con giocatori – assicura Di Martino – o dirigenti in vista di partite in programma qualche giorno dopo». Teneva rapporti col Modena, il Chievo e l’ambiente milanese, ieri trascinava nel registro degli indagati Gennaro Gattuso, con tredici contatti (anche tramite l’amico fraterno di Rino, Pipieri), iniziati il 20 febbraio 2011 al Bentegodi. E Cristian Brocchi. Tutti gridano all’infamia, sino a prova contraria. Dopodomani i quattro periti, incaricati dal gip Salvini, apriranno smartphone, tablet e mail segrete. Centoventi giorni per scovare tutto il materiale scottante o sarà solo fango.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy