Roma battuta, non è qui la festa

È solo calcio d’estate e sarebbe ingiusto partire con i processi, però tre punti sono sotto gli occhi di tutti e meritano un approfondimento anche se siamo a luglio. La Roma continua a prendere gol in fotocopia, tipo il primo di ieri: imbucata tra i due centrali, lasciati senza protezione

di Redazione, @forzaroma

Succede che la Roma «vera» – per quanto possa essere vera una squadra senza De Rossi, Manolas, Ljajic, Pjanic, Nainggolan, Torosidis, Romagnoli e gli acciaccati Strootman e Florenzi – perda 1-0 nel primo tempo contro il Gyor (serie B ungherese).

E che la Primavera, rafforzata da Paredes e Destro, faccia 1-1 con lo stesso avversario nel secondo.

Lo ha notato anche Rudi Garcia: «Io odio perdere e, anche se la squadra era stanca, si doveva fare meglio. I giovani hanno dato tutto e questo mi è piaciuto. Porterò qualcuno di loro in Australia».
È solo calcio d’estate e sarebbe ingiusto partire con i processi, però tre punti sono sotto gli occhi di tutti e meritano un approfondimento anche se siamo a luglio. La Roma continua a prendere gol in fotocopia, tipo il primo di ieri: imbucata tra i due centrali, lasciati senza protezione. Castan ha chiarito: «Anziché protestare con l’arbitro per un fallo non fischiato bisogna essere più cattivi,e fare le cose semplici».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy