Serie A, Juventus-Sampdoria 4-2

di finconsadmin

Allo Juventus stadium, la capolista riceve la Sampdoria nel secondo anticipo della ventesima giornata di Serie A. I bianconeri, devono rispondere alla Roma, che si è imposta nettamente sul Livorno nel primo anticipo portandosi di nuovo a -5. I blucerchiati vengono da un periodo positivo in cui hanno recuperato posizioni di classifica e fiducia in se stessi dopo l’allontanamento di Delio Rossi.

 

Nessun turnover in vista della sfida di Coppa Italia di Martedi per Conte, che mette in campo la formazione migliore, ad eccezione di Bonucci che si è fermato nel riscaldamento e deve lasciar posto a Ogbonna. Mihajlovic schiera il suo 4-2-3-1, con Regini al posto di Costa in posizione di terzino sinistro e Wzolek preferito a Sansone nel terzetto dei trequartisti alle spalle di Eder. Partenza furente dei padroni di casa che aggrediscono gli avversari non lasciandoli uscire dalla propria metà campo. Al 18’ arriva il gol del vantaggio: Pogba appoggia per Vidal, che con un taglio arriva prima di tutti sul pallone e batte Da Costa con la consueta freddezza. I blucerchiati non ci stanno e un minuto più tardi Gabbiadini sfiora il palo con un sinistro a rientrare dei suoi. Ma la Juve non si adagia sull’1-0 e al 24’ trova il raddoppio con un perfetto colpo di testa di Llorente su un calcio d’angolo. Appena la sfuriata bianconera si spegne e gli uomini di Conte rifiatano, la Samp guadagna metri, alza il pressing e propone qualche buona trama. Al 38’, l’audacia degli uomini di Mihajlovic viene premiata e arriva il gol del 2-1: su un cross dalla sinistra di Gabbiadini, Barzagli si getta in scivolata e trafigge Buffon. I padroni di casa, però, ristabiliscono immediatamente le distanze: Regini arriva in ritardo su Vidal e lo stende in area; Gervasoni assegna il rigore che lo stesso centrocampista cileno trasforma.

 

La seconda frazione si apre con una Juve più compassata che aspetta gli avversari nella propria metà campo; i blucerchiati ne approfittano e prendono in mano il gioco. Al 61’, una deviazione ravvicinata di testa di De Silvestri su un calcio d’angolo costringe Buffon ad un grande intervento; un minuto più tardi, su una ripartenza in campo aperto, Llorente sciupa il colpo del KO calciando a lato solo davanti a Da Costa. Il pressing della Samp è davvero ben organizzato e, al 69’, gli uomini di Mihajlovic riescono a riportarsi sotto con Gabbiadini, lesto a ribadire in porta una grande respinta di Buffon  sugli sviluppi di un corner. Non soddisfatto, l’attaccante doriano coglie un altro legno col suo magico sinistro a giro: stavolta tocca alla traversa dire di no. A rimettere a posto le cose ci pensa Pogba, che, al 77’, mette il punto esclamativo sulla partita, segnando con un gran destro da fuori area. La quarta rete bianconera rende meno interessanti i minuti finali, con i padroni di casa che controllano il doppio vantaggio e conducono in porto il risultato.

 

 

TABELLINO

 

Juventus-Sampdoria 4-2

 

Juventus (3-5-2): Buffon, Barzagli, Ogbonna, Chiellini, Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah(79’Peluso), Tevez(85’Giovinco), Llorente(85’Quagliarella).
A disposizione:Storari, Rubinho, Caceres, Isla, Padoin, Marchisio, Vucinic.
Allenatore: A.Conte.

Sampdoria (4-2-3-1): Da Costa, De Silvestri, Gastaldello, Mustafi(51’Costa), Regini, Obiang, Palombo, Gabbiadini, Bjarnason(46’Renan), Wszolek(71’Sansone), Eder.
A disposizione: Fiorillo, Berardi, Rodriguez, Fornasier, Salamon, Gavazzi,  Pozzi.
Allenatore: S.Mihajlovic.

 

Arbitro: Gervasoni

 

Reti: 18’ Vidal, 24’Llorente, 38’Barzagli (aut), 40’ Vidal (rig.),69’Gabbiadini, 77’Pogba,
NOTE Ammoniti: Chiellini,Regini,Wszolek,Gastaldello,
Espulsi:-

P.Pennisi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy