Crotone-Roma, Zenga: “Servirà fortuna e la partita perfetta. DiFra l’ideale per i giallorossi”

Il tecnico dei calabresi in conferenza stampa: “Stimo molto Eusebio, è bravo e preparato. Quando hai giocatori come Dzeko e Strootman non puoi pensare a cali di concentrazione”

di Redazione, @forzaroma

Due giorni a Crotone-Roma. Il tecnico dei calabresi Walter Zenga è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida contro la squadra di Di Francesco. Queste le sue parole: “Guardo sempre i miei calciatori, valuto come stanno e le risposte che mi danno e mi regolo di conseguenza. Mi baso molto sulle qualità dei mie calciatori. Stimo molto Di Francesco, lo ritengo bravo e preparato e di conseguenza l’allenatore giusto per allenare i giallorossi”.

Un successo, quello con la Sampdoria che non deve distogliere lo sguardo alla lotta punto su punto.
Subito dopo la vittoria contro i doriani abbiamo iniziato subito a pensare alla gara contro la Roma. Ho letto con molto interesse  l’intervista di Monchi, ho guardato tra le righe ed è vero: le squadre a questi livelli non possono avere cali di concentrazione. Oggi come oggi quando parli di giocatori come Dzeko o Strootman non hai la sensazione di elementi che possano subire cali di concentrazione.

Per l’allenatore si presenta il traguardo dei cento giorni sulla panchina pitagorica.
Un bel traguardo, ma devo dire che la squadra si è messa subito a disposizione lavorando al meglio. Appena sono arrivato a Crotone mi sono trovato molto bene e questo è importante. Non bisogna fare tabellini ma lavorare giorno dopo giorno, tenendo alta l’attenzione. L’unica cosa che penso e che bisognerà vincere più partite possibili.

Una squadra che sembra essere cambiata dal suo arrivo, lo dimostra il gioco e l’atteggiamento in campo della squadra.
Bisogna giocare a calcio, tutti mi dicono che bisogna essere aggressivi e determinati. Io dico che bisogna mettete palla a terra e giocare. Il risultato passa attraverso il gioco, siamo consapevoli di dover mettere atto la partita perfetta, anche se ci vuole sempre quel pizzico di fortuna che non guasta, soprattutto conto una grande squadra come la Roma. Ci vuole sempre un atteggiamento positivo.

Capitolo infortuni
Non saranno della gara Festa, Simic, Budimir, Izco. Per quello che riguarda  Tumminello, lui ha un programma dettato dalla Roma. Dopo l’ultima sosta avrebbe dovuto iniziare a entrare in un contesto di gara. In questa settimana si è allenato così così e mi sono arrabbiato. Ieri l’ho guardato e gli ho detto: senti e se mi fai un quarto d’ora? E devo dire che ha sorriso. Seriamente penso che ancora ci vorrà del tempo, e potrebbe tornare arruolabile dopo Pasqua.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy