Calcioscommesse, Malagò: “Siamo delle vittime”

Il presidente del Coni ha aggiunto: “per commissariare qualsiasi federazione occorre ci sia uno di questi quattro fattori: irregolarità economiche, problemi di natura elettorale, giustizia sportiva non funzionante, mancata partenza dei campionati. I campionati devono partire con le squadre che poi lo finiscono”

di Redazione, @forzaroma

«Siamo delle vittime, il calcio ha una capacità quasi diabolica di tornare all’onore della cronaca in negativo». Così Giovanni Malagò, presidente del Coni, nel corso di una conferenza stampa a Expo, risponde a chi gli chiede dei recenti problemi che stanno coinvolgendo il mondo del calcio italiano. «Tra gli italiani c’è chi è letteralmente schifato da quello che si vede, ma le leggi sono chiare e il Coni può intervenire in casi specifici». Malagò sottolinea che gli interlocutori del Coni sono le federazioni e ricorda che «per commissariare qualsiasi federazione occorre ci sia uno di questi quattro fattori: irregolarità economiche, problemi di natura elettorale, giustizia sportiva non funzionante, mancata partenza dei campionati. I campionati – conclude – devono partire con le squadre che poi lo finiscono»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy