Stadio Roma, Sanvitto: “Il vero problema è che esiste un sistema di corruzione”

Stadio Roma, Sanvitto: “Il vero problema è che esiste un sistema di corruzione”

L’architetto: “La nostra associazione ha sempre sostenuto una linea di principi e di legalità”

di Redazione, @forzaroma

In merito al discorso riguardante lo stadio della Roma, Francesco Sanvitto è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano. L’architetto ha parlato dell’inchiesta che vede indagata la Sindaca Virginia Raggi per abuso d’ufficio presentata dal Tavolo della libera urbanistica di cui lo stesso Sanvitto ne è presidente. “Mi sono arrivati un sacco di insulti sui social, non da parte dei romanisti, ma dei sedicenti grillini – ha affermato Sanvitto – La nostra associazione ha sempre sostenuto una linea di principi e di legalità. Questo esposto è uno dei tre che sono stati fatti sullo stadio, ce ne sono altri due molto più pesanti su cui indaga la magistratura. La legge sugli impianti sportivi dice che la fine dell’adozione del progetto della conferenza dei servizi viene consegnato al Sindaco che lo porta nella prima seduta utile del Consiglio Comunale e questo non è stato fatto. Invece è arrivato il nodo della contraddizione dell’aver utilizzato una legge che permette varianti a progetti che dovrebbero essere a produzione diretta”. L’architetto Francesco Sanvitto continua: “Quando si sono accorti che il terreno bastava solo per edifici e stadio e non c’era più spazio per verde e parcheggi, gli standard urbanistici di legge, è stata fatta una variante di piano regolatore che è uno strumento urbanistico e non un intervento diretto, quindi deve essere trattata come variante di piano regolatore. Questa tra l’altro e’ una variante generale perché, altra cosa assurda, contrariamente a quanto stabilisce la legge nazionale dell’urbanistica che deve essere fatta dall’ente pubblico, in questo caso viene fatta da un privato. La nostra legislazione urbanistica nazionale tutela gli interessi del territorio, dei cittadini, quindi una variante al piano regolatore deve essere discussa nel consiglio comunale. È stato saltato un passaggio, per fare più in fretta. Il problema è nato con la giunta Marino. Quando De Vito mi portò alla presentazione del progetto, appena mi aprirono le tavole io dissi che quel progetto non poteva seguire le norme della legge sugli impianti. Una cosa è fare un intervento diretto, altra cosa è fare una variante generale del piano regolatore. Lo stadio è il più piccolo dei problemi. L’idea nostra è che esista ormai un sistema di corruzione, c’è una mentalità legata alla corruzione che è estremamente diffusa sia nell’ambiente politico che nell’apparato tecnico dei dirigenti pubblici. Quando c’è un’istanza per cui la politica fa pressioni, c’è un apparato tecnico disposto a inventarsi deroghe, cavilli” conclude l’architetto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy