Roma, la rottura con Petrachi è ufficiale. Samp nel mirino, si lavora al riscatto di Smalling

Due cordate americane interessate ai giallorossi. A Trigoria si lavora in vista della Samp. Manolas fa infuriare i romanisti

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Tra Petrachi e la Roma è finita nel peggiore dei modi. Solo una settimana fa il ds rilasciava una lunga intervista nella quale raccontava i piani per il prossimo mercato. Oggi, in via ufficiale, il club lo ha di fatto cacciato da Trigoria con una sospensione. Una condizione mai verificatasi con un dirigente romanista ma, secondo la ricostruzione di gazzetta.it, diventata inevitabile alla luce del comportamento del ds, che dopo le polemiche per l’intervista del presidente Pallotta, ha continuato la sua campagna di accuse rivolte in più direzioni. A poco è servito il tentativo di armistizio portato avanti da Fienga, che in attesa della promozione di De Sanctis è di nuovo il responsabile dell’area tecnica.

Il caos dirigenziale è ai massimi storici. La società, per bocca di Pallotta, continua a essere in vendita (due società americane sono interessate). Il bilancio sanguina. Ma tra sei giorni la Roma tornerà in campo contro la Sampdoria. La figura di Petrachi non è mai andata troppo a genio al gruppo, ma Fonseca nella preparazione del match avrà tra i compiti anche quello di mantenere alta la concentrazione sulla squadra di Ranieri. Oggi nuova seduta di allenamento, con scarico in palestra. Pellegrini si è esercitato con il gruppo, ma la sua presenza, così come quelle di Pau Lopez e Mancini restano in dubbio. Dubbi anche su Mkhitaryan, che ha riportato un affaticamento.

Confermata (a meno di stop dell’ultima ora) la presenza di Smalling, per cui la Roma sembra avvicinarsi ad un accordo con il Manchester United. L’ultima mossa di Baldini riguarda un’offerta di prestito con diritto di riscatto, che diventa obbligo in base alle presenze del giocatore. Fanno discutere tra i tifosi le parole di Manolas, che ha festeggiato il primo trofeo con il Napoli con un post su Instagram che recitava: “Dopo sei anni in Italia finalmente ho vinto”. Il greco, insieme a Mario Rui, è solo l’ultimo di una lunga lista di giocatori, che lasciata Roma sono riusciti a vincere. Nuovo colpo di Totti da procuratore: firmato l’argentino Retegui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy