Mangia: “Le difficoltà di Pastore a Roma dovute non solo alla tattica. El Shaarawy può fare di più”

Mangia: “Le difficoltà di Pastore a Roma dovute non solo alla tattica. El Shaarawy può fare di più”

Parla l’ex allenatore del Palermo: “Javier ha risentito delle difficoltà della squadra in questa stagione. Il 4-3-3 di Di Francesco è un sistema propositivo, lui avrebbe avuto le caratteristiche per dargli qualità, giusto pensarlo ad inizio stagione come mezzala”

di Redazione, @forzaroma

Il declino di Javier Pastore alla Roma continua a far discutere. Questa mattina Devis Mangia, suo allenatore ai tempi del Palermo, è intervenuto ai microfoni di Retesport per parlare dell’argentino ma anche di altri giallorossi allenati dell’Under 21 azzurra. Ecco le sue dichiarazioni: “Pastore? Quando le cose non vanno bene le motivazioni sono sempre molteplici. Ha reso meno di quello che tutti si aspettavano ed ha risentito delle difficoltà della Roma in questa stagione. Il ruolo? A Palermo ha dato il meglio in un centrocampo a rombo dietro a due attaccanti. Ma il 4-3-3 di Di Francesco è un sistema propositivo, lui avrebbe avuto le caratteristiche per dargli qualità, giusto pensarlo ad inizio stagione come mezzala. Le sue difficoltà alla Roma sono dovute non solo alla tattica. La duttilità un limite per Florenzi? Denota intelligenza, bisogna riconoscergli la disponibilità a fare tutti i ruoli. Bisogna soltanto apprezzarlo per questa sua qualità. È una risorsa. El Shaarawy? È un ottimo giocatore ed è in un ottimo momento, ma lui ha la testa giusta per pensare di avere ancora margini di miglioramento. Può fare ancora di più“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy