Ag.Maicon: “Per la Roma si è tagliato lo stipendio. Gerson? Un talento, ma andiamoci piano”

Intervenuto a Tele Radio Stereo 92.7, Riccardo Calenda ha parlato del terzino brasiliano: “Ha superato i problemi fisici dell’anno scorso. Gerson è un giovane che ha dimostrato già grandi cose. Marquinhos? Brava la Roma a crederci”

di Redazione, @forzaroma

Procuratore di fama mondiale, esperto di giocatori sudamericani e in particolare brasiliani, Riccardo Calenda è intervenuto oggi sulle frequenze di Tele Radio Stereo 92.7. Ecco le sue parole su Maicon e non solo.

Com’è riuscito a far arrivare Maicon alla Roma?
E’ un professionista esemplare. Quando gli ho proposto la Roma, ha deciso che sarebbe stato opportuno ridursi lo stipendio per agevolare l’approdo nella Capitale.Nonostante la finale di Coppa Italia del 26 maggio 2013, ha capito subito che avrebbe potuto fare qualcosa di importante in giallorosso”.

Come sta fisicamente?
Ha parlato il campo. La stagione scorsa lo abbiamo visto poco o nulla a causa di problemi fisici, ora sembrano essere ampiamente superati“.

Secondo lei giocherà col Bayer stasera?
Lui è a disposizione, poi decide Garcia. Maicon è un giocatore importante, ma ci sono anche altri“.

E’ merito suo anche dell’acquisto di Gerson?
La Roma è stata brava. Quando un club punta forte su questi talenti, punta in alto. Per prenderlo è stata una guerra sportiva, Gerson è un classe 1997 che ha già fatto vedere cose importanti. La Roma ha superato la concorrenza dl Barcellona, che aveva una prelazione sul ragazzo, sfruttando il mercato bloccato. Molti club europei c’erano sopra“.

Ci si può sbilanciare su Gerson?
Non è facile. Bisogna usare i piedi di piombo, è molto giovane ma con qualità evidenti. Ha i presupposti per diventare un grande calciatore ma da qui ad averne la certezza ce ne passa. La Roma sta dimostrando di avere un occhio di riguardo per le promesse, basta guardare Marquinhos“.

Senza Zeman, Marquinhos sarebbe esploso?
Il boemo ha avuto gran parte del merito, senza dubbio. Ma questi affari vengono programmati molto prima del mercato e la Roma ancora non aveva deciso di chiamare Zeman sulla panchina. Questa è la prova di quanto il club abbia intenzione di investire sui giovani“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy