Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

comparazione quote

Roma-Atalanta vale il sogno Champions. Mourinho leggermente favorito contro Gasp

Getty Images

Il bilancio dei precedenti sorride ai giallorossi che all'andata erano stati protagonisti della miglior prestazione stagionale

Redazione

Le speranze della Roma di sognare ancora un posto in Champions passano dalla sfida contro l'Atalanta, gara valida per la ventottesima giornata di Serie A. I giallorossi ospitano la squadra di Gasperini sabato 5 marzo alle 18 allo stadio Olimpico e sognano di replicare il successo dell'andata - la miglior prestazione della stagione - per restare agganciati al treno dell'Europa che conta. La Roma è reduce dal successo in extremis contro lo Spezia che ha dato morale alla squadra di Mourinho, ora a quota 44 punti in classifica. L'Atalanta è quinta a 47, ma con la partita contro il Torino da recuperare. Da una parte i giallorossi vogliono vincere per raggiungere gli avversari, dall’altra la squadra di Gasperini ha l’obiettivo di mettere ulteriore terreno tra sé e una delle rivali per la qualificazione Champions.


Gli ultimi risultati di Roma e Atalanta

Difficile analizzare il percorso della Roma. Perché se è vero che per la prima volta nella gestione Mourinho è rimasta imbattuta nelle ultime sei sfide, ha trovato di fronte a sé non squadre di primissimo livello (Spezia, Verona, Sassuolo, Genoa, Empoli, Cagliari). Il calendario aveva fatto pensare a una possibile rimonta sul quarto posto, che però non è arrivata. Un problema ereditato dalla scorsa stagione è quello delle vittorie contro le big.

Considerando solamente gli scontri diretti tra le prime otto in classifica, Zaniolo e compagni hanno perso sei di queste gare (per un totale di appena sette punti in nove sfide), con le uniche vittorie contro l'Atalanta all'andata e la Fiorentina. Nell’ultimo turno di A hanno ottenuto tre punti in extremis in casa dello Spezia, prima ancora i 2-2 contro Verona e Sassuolo e lo 0-0 contro il Genoa. Il successo esterno con l’Empoli del 23 gennaio chiude la serie degli ultimi cinque appuntamenti. Dall’altra parte, l’Atalanta, unica italiana ancora in corsa per l’Europa League dopo la doppia sfida con l’Olympiakos, ha rifilato quattro reti alla Sampdoria nell’ultimo week-end calcistico. Prima ancora, tuttavia, era arrivata la sconfitta fuori casa contro la Fiorentina e il pareggio casalingo (1-1) contro la Juventus.

I precedenti: il bilancio sorride alla Roma

Roma e Atalanta si sfideranno sabato pomeriggio per la 120esima volta in Serie A (la sessantesima se si considerano solamente le gare giocate all’Olimpico). Il bilancio totale pende a favore dei padroni di casa, usciti vittoriosi da 53 incontri contro i 28 successi della Dea, 41 i pareggi. I numeri vanno ancor più incontro ai giallorossi se si analizzano i 34 match giocati in casa e conclusi con il loro trionfo (solo sette le sconfitte). La situazione si ribalta se si dà un’occhiata agli ultimi dieci precedenti: due vittorie per la Roma, quattro pareggi, altrettanti successi dei nerazzurri. L’ultimo in ordine di tempo è la gara d’andata dell’attuale stagione. Era il 18 dicembre 2021 e al Gewiss Stadium gli ospiti s’imposero per 4 reti a 1. L’ultimo match giocato all’Olimpico da Roma e Atalanta è terminato in pareggio: Cristante e Malinovskyi si resero protagonisti dell’1-1 finale. Come ci informa OddsChecker, la vittoria casalinga contro l’Atalanta sembra essere un tabù per la Roma: gli ultimi tre punti sono arrivati nel corso della stagione 2014/15.

Roma-Atalanta, chi è la favorita? 

Le due squadre arrivano quindi all'Olimpico in un momento decisivo della stagione. La Roma ha recuperato diversi infortunati e si presenta con la rosa praticamente al completo se si esclude Spinazzola. Gasperini invece deve fare a meno di Zapata e Ilicic ma recupera almeno per la panchina sia Muriel che Malinovskyi. Secondo le rilevazioni di OddsChecker, Roma – Atalanta sarà una gara equilibrata. I giallorossi sono favoriti, ma la forbice tra il segno 1 e il 2 è tutt’altro che ampia. La vittoria della squadra di Mourinho si attesta al 38.5% di probabilità, contro il 37% per il successo della Dea e il restante 29.4% attribuito al pareggio. La minima differenza in classifica e la buona propensione offensiva di entrambe le squadre in gara giustifica gli operatori a ritenere più concreta la possibilità che nessuna delle due formazioni rimanga a secco. In questo senso, il Gol vanta una percentuale del 61.7% contro il 45.5% del No Gol, e dunque che uno dei due gruppi non riesca ad andare neanche una volta in rete. I bookie, infine, si aspettano che, nel corso dei 90’, possano arrivare almeno tre goal: l’Over 2.5 è in vantaggio rispetto alla quota opposta, quella dell’Under 2.5 (60.6% contro 47.6%).