Roma-Sabatini, divorzio

La città è divisa tra chi lo reputa il re indiscusso del mercato ed altri che invece gli imputano clamorosi errori

di Redazione, @forzaroma

Walter Sabatini lascia la Roma. Se ne va, come era già accaduto alla Lazio e al Palermo, spaccando a metà una città tra chi lo reputa il re indiscusso del mercato ed altri che invece gli imputano clamorosi errori. Come spesso capita nella vita, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, la verità è nel mezzo.

Di certo nella sua esperienza alla Roma è riuscito ad invertire quanto si diceva sul suo conto quando lavorava alla Lazio: «È bravo a trovare i giovani di valore ma incapace a vendere». Ricavare però, tra gli altri, 9 e 7 milioni da giocatori modesti come Dodò e Bradley, realizzare 27,4 milioni di plusvalenza con Marquinhos, 15,2 con Lamela e oltre 20 per Pjanic sono operazioni che smentiscono quel giudizio. Più opinabile il costo di qualche acquisto: Iturbe (26,1 comprese le commissioni), Doumbia (14,4+1,5), Juan Jesus (2+8), Kjaer (3,5 di prestito) o Uçan (4,5 di prestito).

Quello che non è discutibile invece è la difficoltà di Sabatini a costruire squadre vincenti.  Dopo il 26 maggio 2013 ha cambiato rotta cercando un mix tra giovani e esperti che però ha sempre provocato rifondazioni estive. Senza considerare i riscatti, i ritorni dai prestiti e la miriade di giovane transitata per Trigoria, 15 sono stati gli acquisti effettuati il primo anno, 12 nel secondo, 15 nel terzo, 16 nel quarto, 13 nel quinto e 7 quest’anno, dove però ha operato soltanto in estate.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fernandomattiacc_339 - 4 anni fa

    PER LA SOCIETA’ UN DIECI, MA PER LA SQUADRA UN TRE, LE GRANDI SQUADRE PARTONO SEMPRE CON UNA DIFESA FORTE, NOI SONO CINQUE ANNI CHE ABBIAMO PROBLEMI IN DIFESA, COSI’ NON SI VINCE MAI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy