Boskov e Lucio, l’inizio e la fine

Venticinque anni di carriera e tantissimi allenatori. Da Bianchi a Luis Enrique, passando per Ranieri e Capello. Salvo eccezioni, i rapporti fra Totti e chi sedeva in panchina, non sono mai stati semplici

di Redazione, @forzaroma

Ha spesso detto che «allenare non fa per me. Sono troppo buono. Ci vuole polso, bisogna scegliere la formazione, mandare alcuni tuoi giocatori in tribuna. Preferisco evitare, mi farebbe stare troppo male». Francesco Totti ha sempre ragionato da calciatore. E c’è da scommettere che lo farà anche quando inizierà la carriera dirigenziale. Allenare non lo attira, alcuni allenatori ancora meno. Presente e passato s’intrecciano raccontando 25 anni di tira e molla, sorrisi e reprimende. Un’altalena di sentimenti e stati d’animo che non sempre hanno visto il campione giallorosso trovarsi a suo agio con chi sedeva in panchina, perché paradossalmente le esperienze con Mazzone :«Per me è stato come un figlio», Zeman: «È il più forte di tutti» e Lippi: «È immortale» nella sua carriera sono state delle eccezioni.

Il più delle volte, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, i rapporti tra Totti e gli allenatori hanno vissuto di alti e bassi. La cosa singolare è che poi, a posteriori, tutti parlano bene di Francesco. Persino Carlos Bianchi che, ospite a Trigoria nel novembre del 2011, è riuscito a negare le difficoltà col capitano allora ventenne: «Io soltanto conosco la verità su questa storia, intendevo spronarlo». Anche con Ranieri la convivenza non è semplice. Dietro tante frasi fatte del tecnico («Non esiste Roma senza Totti», «Totti è al centro del mio progetto», «Totti è il migliore di tutti»), covano problemi di gestione. La spia è il derby che poi decreterà il trionfo del tecnico, l’apice invece sono i 4 minuti che l’8 gennaio del 2011 concede a Totti con la Sampdoria. Anche con Luis Enrique si parte col piede sbagliato. Dopo una settimana a Trigoria, Lucho sale nell’ufficio di Sabatini lamentandosi che con Totti in campo non riesce ad imprimere agli allenamenti la velocità e l’intensità che vorrebbe. Poi arriva la famosa sostituzione con Okaka nel ritorno del preliminare di Europa League con lo Slovan. Con Garcia le cose vanno meglio, diverso invece il discorso con Capello. Adesso ci sono soltanto elogi da parte del tecnico friulano: «Totti è un fuoriclasse, illumina la Roma da 23 anni, fa cose che altri non immaginano nemmeno». All’epoca del terzo scudetto, si lamentava invece dei: «ritmi romani» del calciatore, sfociati nella famosa vigilia della trasferta di Napoli dove l’allenatore ha sempre fatto allusioni di una notte brava della squadra, con il capitano capofila.

Merita un capitolo a parte il rapporto con Spalletti. «E il tacco, la punta, il titolo, il gol… Gli equilibri! Sono cinque anni che dico gli equilibri! Perché poi, si prende gol…», è lo sfogo del tecnico il 31 agosto del 2009, giorno del suo addio. Rapporto idilliaco all’inizio, poi alti e bassi, evidenziati da una polemica via microfono quando il tecnico è già lontano: «Complimenti», dice Totti all’indomani della vittoria nel campionato ucraino. «Poteva farmeli quando stavo andando via dalla Roma», replica secco il tecnico. Il resto è storia più o meno recente: l’allontanamento nella passata stagione dal ritiro alla vigilia della gara col Palermo, la querelle sul rinnovo, la richiesta di rispetto avanzata dal capitano, le frecciate dell’allenatore (tra tutte, quella alla vigilia del derby: «Anch’io voterei per Francesco in campo ma si potrebbe proporre anche un sondaggio diverso, far commentare l’Europeo a Pizzul o Caressa?». Totti quindi come un telecronista pensionato, (metafora chiarissima). Dieci giorni fa invece il ribaltone: «Se Totti smette me ne vado». Un film già visto.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy