Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news calcio

Conti in tasca alla nostra Serie A, la malata d’Europa

Conti in tasca alla nostra Serie A, la malata d’Europa - immagine 1
Più del 70% delle perdite sono generati da Juventus, Roma, Inter e Milan

Redazione

L'As Roma esce dalla Borsa con le azioni che valgono 0,45 euro, meno di un decimo del prezzo (5,5 euro) al quale furono vendute più di 22 anni fa, quando ci fu la quotazione. In realtà, si legge su Il Fatto Quotidiano, il calo è molto maggiore perché ci sono stati aumenti di capitale a prezzi più bassi e pertanto, per un confronto omogeneo, il prezzo di partenza dei titoli, nell’Ipo del maggio 2000, andrebbe corretto al rialzo. Secondo l'ultimo "Report Calcio" elaborato da PwC per Fiigc e Arel, tutti insieme i club di Serie A hanno perso 1.7 miliardi di euro nelle due stagioni chiuse a giugno 202o e 2021. Più del 70% delle perdite sono generati da Juventus, Roma, Inter e Milan, appena sanzionate dall'Uefa per violazione delle regole del Fair play finanziario.

Nyon ha inflitto sanzioni per 172 milioni a otto squadre, quattro sono italiane. Per Roma, Inter, Juve e Milan la multa totale è di 99 milioni. Ma pagheranno solo il 15%, 14.5 milioni: 5 i giallorossi, 4 i nerazzurri, 3.5 i rossoneri e 2 i bianconeri. La Juventus chiude il bilancio al 30 giugno 2022 con una perdita stimata di -251 milioni. Non sono finiti i travagli del Milan, malgrado l’arrivo del nuovo proprietario Gerry Cardinale. La proprietà cinese dell’Inter cerca un nuovo socio con la banca d'affari Goldman Sachs, nella quale molti anni fa ha “servito” anche Mario Draghi. Nelle sole due stagioni 2019-2020 e 2020-2021, secondo i dati evidenziati da Football Benchmark, la Roma ha accumulato perdite nette per -389 milioni (la seconda peggiore in Europa), l'Inter -348 milioni, la Juventus -300 milioni, il Milan -291 milioni. Il Napoli ha perso -78 milioni, la Lazio -40 milioni.

La Roma ha chiuso il 9 settembre l'avventura in Borsa cominciata con l'Ipo del 16 e 17 maggio 2000, quando Franco Sensi vendette 13 milioni di azioni a 5,5 euro l’una. L’anno successivo la Magica vinse il terzo scudetto. Da oggi le quotazioni sono sospese, dal 14 settembre scatterà la revoca. Il pacchetto a oggi non posseduto da Thomas Friedkin, 24,36 milioni di azioni pari al 3,87% del capitale, verrà ricomprato con una spesa di 10,96 milioni. I soldi sono già a disposizione dei soci in un conto presso Unicredit, un nome che ricorre nella storia giallorossa.  La società RedBird di Cardinale ha appena perfezionato l’acquisto della maggioranza da Elliott, a una valutazione di 1,2 miliardi di euro. Il venditore resta però azionista e ha prestato al compratore 600 milioni. Un piccolo socio, la londinese Blue Skye, contesta la vendita. L'udienza in tribunale è fissata per domani, il giorno prima dell’assemblea che dovrà nominare il nuovo cda. Alla presidenza dovrebbe rimanere Paolo Scaroni, il manager che Silvio Berlusconi ha nominato ad di Eni ed Enel, voluto al Milan da Elliott.