Pallotta cerca soci: spunta DaGrosa. Mercato, Pedro più vicino e Schick in bilico

Pallotta cerca soci: spunta DaGrosa. Mercato, Pedro più vicino e Schick in bilico

L’imprenditore americano può entrare nella Roma dopo il “no” a Friedkin. In estate possibili scambi con la Juve, operazione Frattesi più difficile

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Dopo il Texas, la Florida. È ancora negli Stati Uniti che la Roma di James Pallotta e Goldman Sachs cercano acquirenti. Con Dan Friedkin sempre più lontano, il nome nuovo è quello di Joe DaGrosa, milionario americano con società di private equity e con una passione per il calcio e per l’Italia. Dopo l’esperienza terminata in poco più di un anno al Bordeaux, lui e il suo socio Hugo Varela hanno di nuovo voglia di lanciarsi in un’avventura nel pallone.

Joe DaGrosa, il dossier Roma e il rifiuto a Friedkin

 

L’idea iniziale era quella di comprare il Newcastle, ma gli arabi sono stati più convincenti. Ecco che allora potrebbe essere la Roma l’occasione giusta: “Prenderemo un club entro ottobre. Sfruttando il coronavirus si possono acquistare società e calciatori a prezzi più bassi”, ha rivelato in una recente intervista. Il suo obiettivo è creare un network globale sull’onda del City Football Group, la holding che comprende la squadra di Manchester di Guardiola, il New York City in MLS e altri club in giro per il mondo. DaGrosa vuole fare lo stesso: un club principale (la Roma?), diversi club satellite e poi academy sparse in tutto il mondo. Il tutto dopo l’ultimo rifiuto di Pallotta all’offerta di Friedkin: 490 milioni più 85 di ricapitalizzazione.

Da Pedro a Schick, le ultime notizie di mercato

 

Sul fronte mercato è più vicino Pedro: a Trigoria sono certi di riuscire a convincerlo, nonostante la corte anche della Juventus di Sarri. I contatti con l’entourage vanno avanti e lui potrebbe essere il primo colpo – a parametro zero – dell’estate. La missione principale per Petrachi resta però quella di cedere tutti i calciatori in esubero e provare a realizzare qualche plusvalenza. Una può arrivare come la scorsa estate dagli scambi con la Juventus: i bianconeri vorrebbero Zaniolo e continuano a offrire Bernardeschi, la Roma non vuole però privarsene. Più possibili quelli che coinvolgano uno tra Kluivert e Under con Rugani che farebbe il percorso inverso. Senza dimenticare l’ipotesi Cristante-Mandragora. Schick può restare al Lipsia, ma il club giallorosso dovrà accettare uno sconto sul riscatto. Sull’attaccante ceco sono arrivate le parole del tecnico Nagelsmann: “Non sarà facile riscattarlo, dobbiamo tenere sotto controllo il nostro budget e fare operazioni in uscita”. Era vicino al ritorno a Trigoria anche Davide Frattesi, ma il coronavirus ha reso più complessa l’operazione per riportarlo in giallorosso.

Kolarov e la ripresa del campionato

 

Dopo la prima vera partitella di ieri, la Roma continua ad allenarsi a Trigoria. A guidare il gruppo come sempre c’è Aleks Kolarov, oggi protagonista dell’evento web organizzato da Acronis, nuovo partner del club: “Non sapevamo se la Serie A sarebbe ricominciata, ma in quarantena ci siamo allenati al massimo”. E c’è chi parla già di un possibile ritorno dei tifosi allo stadio, come Zampa (sottosegretario del Ministero della Salute): “Se ci saranno le condizioni si potrà parlare di riapertura degli impianti”. Per il momento tiene banco il tema algoritmo, che potrebbe decidere le sorti del campionato se non si riuscisse a portare a termine il campionato. Caso Ponce: la Fifa ha concesso altri 15 giorni alla Roma per lavorare alla causa del Newell’s Old Boys, che hanno accusato i giallorossi di aver usato uno stratagemma per abbassare la cifra prevista dalla percentuale sulla rivendita. Avrà bisogno sicuramente di più giorni Gonzalo Villar per superare l’esame di Macroeconomia. Dopo aver pubblicato la schermata con la sua bocciatura, ha scherzato: “Niente Var?”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy