La Fifa concede altri 15 giorni alla Roma per il caso Ponce

La Fifa concede altri 15 giorni alla Roma per il caso Ponce

I giallorossi sono stati accusati dal Newell’s Old Boys di aver inserito e ipervalutato il cartellino di Andrea Romagnoli nella trattativa con lo Spartak Mosca per non corrispondere una cifra alta prevista dall’accordo sulla rivendita

di Redazione, @forzaroma

La Roma ha altri quindici giorni di tempo per rispondere alle accusa del Newell’s Old Boys sul caso Ezequiel Ponce. La Fifa ha infatti concesso alla società giallorossa un periodo extra per presentare le sue verità: il club argentino ha fatto causa a quello di Trigoria con l’accusa di aver inserito e ipervalutato il cartellino di Andrea Romagnoli nella trattativa con lo Spartak Mosca. L’obiettivo? Secondo i media argentini quello di corrispondere al Newell’s Old Boys una cifra inferiore sulla percentuale di rivendita (che corrispondeva al 40%). A spiegare la situazione è stato Martìn Montoya dell’ufficio legale degli argentini: “La Roma ha chiesto l’estensione di quindici giorni del termine per rispondere alle accuse, cosa che la Fifa ci ha notificato”.

Se la Fifa dovesse dar ragione al Newell’s Old Boys, la Roma dovrebbe versare i 2,4 milioni entro gli inizi di agosto. In caso contrario gli argentini sono già pronti a ricorrere al Tas.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy