Roma, vittoria di cuore contro l’Empoli. Adesso per Ranieri esame SPAL

I giallorossi conquistano i tre punti nel posticipo della 27esima giornata. Sabato trasferta a Ferrara, intanto la società si interroga sul futuro

di Gabriele D'Errico, @@derricogabriele

La scossa c’è stata, o quasi. Con tanta fatica e sacrificio la Roma ha provato a ripartire. Nella prima sfida di Claudio Ranieri da nuovo allenatore è arrivata una vittoria importantissima. Oltre ai tre punti conquistati, c’è sicuramente la consapevolezza da parte di tutti che la squadra vuole reagire. Unita fino all’ultima giornata di campionato. El Shaarawy si è consacrato come uno dei trascinatori di questa Roma, onorato anche dalla fascia da capitano al braccio, Schick ha finalmente dimostrato di avere grande carattere, mentre per Florenzi non è stato difficile riconquistare la fiducia dei propri tifosi.

LA ROMA DEL FUTURO – In pochi giorni Claudio Ranieri ha donato freschezza ad un gruppo visibilmente abbattuto. Che sarà di lui? Che sarà di questa Roma a fine stagione? Nei giorni precedenti all’esonero di Di Francesco circolavano tanti nomi attorno alla panchina dei giallorossi. Primo fra tutti Maurizio Sarri. L’unica certezza è che la società vorrebbe un grande allenatore nel caso in cui l’avventura con Ranieri terminasse a giugno. Nel frattempo su Zaniolo piombano gli occhi della Premier, si pensa a Drinkwater come rinforzo a centrocampo mentre l’agente di Ilicic coccola i giallorossi…

ALTRE – “Contenta che nella Roma ci siano persone competenti come Ranieri, Totti e Conti” queste le parole di Rossella Sensi, da sempre grandissima tifosa. Intanto questa mattina la società giallorossa era presente all’evento “No Bulli”, campagna di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e cyberbullismo, mentre la squadra è tornata ad allenarsi a Trigoria dopo la vittoria di ieri sera contro l’Empoli e da domani mattina lavorerà già in vista della trasferta di sabato a Ferrara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy